Nuove armi per l’Esercito francese?

15 July 2018
di Claudio Bigatti
Nuove armi per l’Esercito francese?
Da tempo nei circoli militari francesi, si sussurra di almeno due nuovi concorsi volti a rinnovare la gamma degli armamenti leggeri: quali?

Si tratterebbe innanzitutto e come abbiamo recentemente anticipato, di un fucile di precisione che dovrebbe sostituire il bolt action Fr F2 (Fusil à Répétition modèle F2) calibro 7,62x51 ma al momento, non è chiaro se si cerchi ancora un vero e proprio “sniper” bolt action oppure e secondo altri, un Dmr – Designated marksman rifle in calibro analogo e semiautomatico. Il fucile Fr F2 (partendo dal modello iniziale Fr F1) è stato adottato dall’Armée de Terre nel 1986 e poi dalle altre forze armate, derivato dal più vecchio Mas 36 e modernizzato con alcuni accorgimenti: con canna da 600 millimetri misura 1.138 millimetri compreso spegni fiamma, adotta caricatore metallico amovibile da 10 colpi e pesa, scarico, 5.100 grammi. Si parlerebbe di 2.500 armi in 5 anni e, se si dovesse effettivamente trattare di un semiauto, vista la recente scelta dell’Hk416F come arma d’assalto e la presenza dell’Hk417 presso le Forze speciali francesi … più di un osservatore indica come prossimo vincitore designato proprio l’Hk417.
Più “sostanzioso” però, dovrebbe essere invece il prossimo concorso per sostituire le pistole delle Forze armate francesi che, dovrebbe essere ufficializzato entro la fine di questo anno.
La pistola di servizio attuale è la Pa MaS G1 (Pistolet automatique - Manufacture d'armes de Saint-Étienne) calibro 9x19: copia su licenza della Beretta 92 con alcune modifiche sull’abbatticane …
La Pa Mas G1 è stata adottata prima dalla Gendarmerie Nationale nel 1989 per essere poi adottata successivamente (tra il 1992 e il 1999) da tutte le forze armate francesi per un totale di poco più di 97.000 unità. Se vi sarà una sostituzione totale, seppur diluita in un certo numero di anni, si tratta pur sempre di un contratto numericamente importante e che ovviamente, fa gola a molte aziende.
Vi terremo informati degli sviluppi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA