La multiradiale a caccia

12 dicembre 2017
di Massimo Vallini

La nuova Saphire di Sabatti presenta molte innovazioni, a partire della canna con rigatura multiradiale. L'obiettivo, riuscito, è migliorare funzionalità, prestazioni assolute e costanza nel tempo.

A 35 anni dalla nascita della famosa Rover, armi Sabatti modernizza decisamente la sua carabina bolt-action con la nuova Saphire qui in versione venatoria contraddistinta dal calcio in legno di noce. E lo fa partendo dalla canna che è da sempre un punto di forza dell’azienda che è anche una delle più antiche gardonesi.
Inizialmente predisposto con successo per le sole carabine da tiro, il nuovo profilo di rigatura multiradiale (Mrr®) è adesso esteso anche alle tipologie di canna venatorie.
La rigatura assicura sostanziali miglioramenti rispetto ai profili di rigatura convenzionali, nel caso di utilizzo sia di palle monolitiche sia nelle varie conformazioni venatorie. Ed è un tipo di rigatura che si adatta alla perfezione al procedimento di rotomartellatura a freddo impiegato da Sabatti.
I proiettili che passano nella canna vengono deformati, infatti, secondo un arco di circonferenza e non intagliati come nelle rigature convenzionali: la geometria del proiettile è leggermente modificata, evitando perciò stress eccessivi a suo carico.
Le velocità di uscita sono effettivamente più alte, in alcuni casi fino al 12%, rispetto a una rigatura convenzionale con valori pressori nella norma. Questo è dovuto al fatto che il proiettile riesce a sigillare molto meglio la canna, evitando lo scavallamento dei gas e utilizzando perciò in maniera più efficiente l’energia del propellente. Gli attriti tra proiettile e canna, inoltre, sono sensibilmente ridotti. Dunque è garantita anche una maggior durata nel tempo.
Le rosate sono mediamente più concentrate, ciò è dovuto principalmente alle tolleranze molto strette di produzione. Il numero dei flyer si è drasticamente ridotto e ciò può essere in gran parte attribuito alla particolare geometria del cono di forzamento, che consente al proiettile di inserirsi in maniera più sicura e precisa nelle rigature, meglio allineato con l’asse della canna.
Anche i depositi di rame all’interno delle canne sono inferiori rispetto alle rigature convenzionali, richiedendo interventi di pulizia e sramatura meno frequenti e molto più facili da eseguire. Le prestazioni delle canne multiradiali, infine, possono essere ulteriormente migliorate semplicemente lappando il foro con tamponi e pasta abrasiva, senza correre il rischio di rovinare gli spigoli delle righe.

Ancora sulla canna

La carabina è disponibile con tre azioni per tre gruppi di calibri: .243 Win, .308 Win, .7 mm Rem Saum, .7mm-08 Rem (gruppo A); .270 Win, 7x57, 7x64, 6,5x55se, .30-06, 8x57js (B); 7 mm Rem mag, 300 Win mag (C). È possibile avere canne intercambiabili, avvalendosi di alcuni attrezzi necessari per la sostituzione. Se il calibro della canna di ricambio non è incluso nel medesimo gruppo del calibro originale della carabina, è necessario provvedere alla sostituzione anche di alcune o tutte le seguenti parti: caricatore, scatola caricatore, testina otturatore.
La canna in 6,5x55 Swedish di questa Saphire, come le altre, è prodotta da una barra in acciaio Aisi 4140 (42CrMo4) e presenta passo di 1:8,5” per una lunghezza di 610 mm. È equipaggiata con mirino a pinna, rientrante e regolabile in altezza e di tacca di mira regolabile in derivazione.
Il vivo di volata viene realizzato, di serie, con un filetto e relativa ghiera copri filetto, per consentire il montaggio di un'eventuale freno di bocca.
La culatta (barrel extension), prodotta con acciaio al NiCrMo, è cementata e temprata grazie a uno speciale procedimento termico che migliora in maniera considerevole la durezza della superficie esterna ma anche la tenacità a cuore del pezzo.

All purpose

“Saphire” è acronimo di Sabatti all purpose hunting italian rifle, dunque carabina italiana per tutti gli usi. Il nome senza aggiunte identifica il modello con calcio in noce selezionato che costa 1.363 euro al pubblico, mentre con calcio sintetico 1.115, altra versione venatoria è la Battue con calcio sintetico e thumbhole a 1.204 euro e poi c’è ancora la versione Traqueur con calciatura camo orange e canna di 500 mm, con maglietta in volata a 1.011 euro, e la Tactical hunter con calciatura tattica in polimero con nasello regolabile a 2.257 euro. Quindi ci sono numerose versioni eminentemente tattiche e per il tiro, con canne, finiture e calci di varie fogge.

L'azione è ricavata da un blocco di Ergal 55, lavorata con macchine cnc, con due basi Picatinny integrate sui ponti, al fine di consentire un più facile montaggio degli attacchi e una più rapida taratura dell'ottica. In aggiunta, migliorano ancora di più la rigidità dell'azione.

L'otturatore, che pesa 411 grammi, adotta chiusura a tre tenoni anteriori, per una maggior sicurezza e per ridurre a 120° l’angolo di apertura. Corpo cilindrico e manetta, come la testina, sono separabili, il corpo ha lo stesso diametro della testina. I tre elementi sono realizzati con diverse tipologie di acciaio e trattamenti termici differenziati, in funzione delle diverse caratteristiche meccaniche richieste. La testina flottante per garantire un appoggio sicuro su tutti e tre i tenoni, al fine di migliorare l'accuratezza dell'arma, è sottoposta alla stessa tipologia di trattamento termico della culatta. Dopo l'assemblaggio l'otturatore presenta un'ottima scorrevolezza.

È possibile avere due diverse tipologie di scatto a richiesta: standard (con un peso di 1.200 grammi) oppure lo stecher (con un peso di scatto standard di 1.500 grammi che si riducono a 250 inserendo il dispositivo di sensibilizzazione). Entrambe le tipologie di scatto sono intercambiabili e possono essere tranquillamente sostituite da un armaiolo specializzato. La sicura della Saphire è quella tradizionale a due posizioni con il blocco dell’otturatore a sicura inserita.

Scheda tecnica

Produttore: armi Sabatti, via Alessandro Volta 90, 25063 Gardone Val Trompia (Bs), tel. 030.89.12.207, fax 030.89.12.059, info@sabatti.it

Modello: Saphire

Calibro: 6,5x55 swedish

Impiego specifico: caccia di selezione

Canna: lunga 610 mm, con volata filettata, passo 1:8,5”, rigature multiradiali

Organi di mira: mirino regolabile in altezza, tacca di mira regolabile in derivazione; attacchi Weaver integrali al castello

Caricatore: a pacchetto in lamiera con fondello in materiale plastico, monofilare, estraibile, delal capacità di 3 cartucce

Scatto: regolabile da 600 a 2.000 grammi

Materiali: azione in lega leggera 7075 con finitura satinata anodizzata, canna in acciaio 4140 (42CrMo4) con finitura fosfatata, calcio in legno di noce selezionato

Lunghezza totale: 1.130 mm

Peso: 3.480 grammi (4.300 con anelli e cannocchiale KonusPro Lz-30 3-12x56)

© RIPRODUZIONE RISERVATA