19 marzo 2020

Il Safari club e il Coronavirus

Anche il Safari club international si attiva in funzione della pandemia, per informare e tutelare i cacciatori che si spostano in giro per il mondo

Il Safari club international ha diffuso un comunicato nel quale fornisce le indicazioni utili per i cacciatori e safaristi in questi tempi di pandemia:

“Mentre gli Stati Uniti e il resto del mondo navigano nella pandemia di coronavirus, Safari Club international sta monitorando attivamente le interruzioni che la pandemia sta diffondendo nella comunità di caccia globale . La nostra partecipazione globale a Sci comprende cacciatori, allestitori, guide e operatori che probabilmente dovranno affrontare restrizioni impreviste che avranno un impatto negativo su molte aziende del settore. Al fine di aiutare tutti i nostri membri a mitigare l'impatto economico del coronavirus, incoraggiamo tutti a fare il check-in con le autorità competenti in merito alle restrizioni sui viaggi, alle chiusure delle frontiere e alle chiusure aziendali in rapido cambiamento. Inoltre, incoraggiamo tutti i cacciatori a comunicare i problemi relativi alle cacce programmate con tutte le parti interessate il più presto possibile in modo che la pianificazione di emergenza possa essere eseguita nel modo più agevole possibile. Mentre la lunghezza di questa crisi è sconosciuta, Sci è consapevole della difficile situazione dei membri in posti attualmente al culmine della loro stagione di caccia come la Nuova Zelanda e l'Argentina, che sono attualmente in quarantena o in quarantena per stranieri, rispettivamente. I Paesi dell'Africa occidentale, centrale e meridionale stanno attualmente ospitando le prime stagioni di caccia mentre affrontano un futuro sconosciuto, con altre stagioni programmate per iniziare nei prossimi mesi. A causa dell'ampia pianificazione richiesta da molte battute di caccia, una serie di stagioni di caccia aggiuntive in estate e in autunno possono anche essere a rischio di scarsa partecipazione se permangono gravi restrizioni di viaggio. Sebbene i tempi siano incerti per i cacciatori e l'industria venatoria, è importante che tutti i membri e le parti interessate della nostra comunità si uniscano per sostenersi l'un l'altro. La diffusione globale del coronavirus non scoraggia gli anti-cacciatori dai loro attacchi al nostro stile di vita, quindi è importante che i cacciatori utilizzino questo tempo per mantenere la nostra reputazione di leadership nella responsabilità sociale. Nel frattempo, SCI continuerà a combattere in tutte le strade disponibili per la protezione del nostro diritto alla caccia, in modo che quando questa crisi è finita possiamo tutti liberamente tornare a perseguire le nostre passioni all'aperto. Barbara Crown gestisce il Hunter Information Service di Sci, fornendo ai membri informazioni sulle attività di caccia e sui viaggi. Con 20 anni di esperienza sulle notizie sulla caccia in tutto il mondo, sta seguendo gli effetti degli sviluppi di Covid-19 sul settore della caccia. Può essere raggiunta a HunterHotline@safariclub.org. Inoltre, l'esclusivo Hunter information service di Sci ha reso disponibili al pubblico le sue consulenze Covid-19 su safariclub.org”

.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news
Le ultime prove