I marchi del Banco di prova

7 luglio 2017
I marchi del Banco di prova
Per sapere quando è stata prodotta o importata un'arma, può essere utile "decifrare" i codici che il Banco di prova italiano utilizza per indicare l'anno in cui è stata effettuata la prova forzata

I marchi del banco di prova

Tutte le armi italiane e le armi straniere prodotte in Paesi che non hanno un banco di prova riconosciuto in Italia, come è noto, devono essere provate dal Banco di prova di Gardone Val Trompia, prima di essere poste in commercio. Il Banco esegue una serie di prove e controlli di sicurezza, per accertare la funzionalità dell'arma e l'assenza di rischi per il tiratore. La prova del fatto che i controlli di sicurezza sono stati eseguiti è rappresentata da alcuni punzoni, apposti sul fusto o sulla canna. Tra questi, è indicata (prevalentemente sulle armi a canna rigata) la data in cui l'arma è stata provata. Nel periodo compreso tra il 1922 e il 1953, la data è stata indicata "in chiaro", con un punzone riportante l'anno completo di tutte e quattro le cifre. A partire dal 1954, però, si è iniziato a indicare l'anno con un numero romano: il 1954 corrisponde al X, il 1955 all'XI, e così via. Mano a mano che gli anni passavano, però, ci si rese conto che continuare a indicare la cifra in numeri romani avrebbe richiesto un punzone troppo lungo: così, invece di indicare il 1971 con la cifra XXVII si decise di indicarla con un misto di numeri romani e arabi: XX7. Seguirono XX8 per il 1972 e XX9 per il 1973, per finire con XXX nel 1974. Dal 1975, si abolirono i numeri romani e si decise di indicare l'anno con un codice di due lettere. Il 1975 corrisponde ad AA, il 1976 ad AB, e così via. Il problema è che sono state saltate alcune lettere, quindi solo disponendo dell'elenco completo dei codici si può risalire con certezza all'anno di costruzione dell'arma. Ecco l'elenco completo dei codici:

X = 1954 AB = 1976 BL = 1998
XI = 1955 AC = 1977 BM = 1999
XII = 1956 AD = 1978 BN = 2000
XIII = 1957 AE = 1979 BP = 2001
XIV = 1958 AF = 1980 BS = 2002
XV = 1959 AH = 1981 BT = 2003
XVI = 1960 AI = 1982 BU = 2004
XVII = 1961 AL = 1983 BZ = 2005
XVIII = 1962 AM = 1984 CA = 2006
XIX = 1963 AN = 1985 CB = 2007
XX = 1964 AP = 1986 CC = 2008
XXI = 1965 AS = 1987 CD = 2009
XXII = 1966 AT = 1988 CF = 2010
XXIII = 1967 AU = 1989 CH = 2011
XXIV = 1968 AZ = 1990 CI = 2012
XXV = 1969 BA = 1991 CL = 2013
XXVI = 1970 BB = 1992 CM = 2014
XX7 = 1971 BC = 1993 CN = 2015
XX8 = 1972 BD = 1994 CP = 2016
XX9 = 1973 BF = 1995 CS = 2017
XXX = 1974 BH = 1996
AA = 1975 BI = 1997



Anche il Banco di prova tedesco di Ulm ha cominciato da alcuni anni a indicare l'anno di prova con una coppia di lettere, anziché con le ultime due cifre dell'anno, come faceva in precedenza. Rispetto al sistema italiano, però, è molto più semplice da comprendere: la lettera "A" corrisponde allo "0", la "B" a "1" e così via fino a "K" per il 9 (questo perché la "J" non viene utilizzata). Così, se un'arma porta la sigla "II" è stata provata nel 1988, se la sigla è "ID" è stata provata nel 1983 e così via.

© RIPRODUZIONE RISERVATA