di Claudio Bigatti - 28 novembre 2018

Ritorna la pistola-fucile bolt-action?

Nel recente passato di Remington, possiamo certamente ricordare la precedente Xp-100: adesso, l’azienda americana sembra voler rinverdire il concetto…

Diciamo subito che la nuova Remington 700 Cp nasce comunque da una “risorsa” già presente nei listini, deriva infatti dalla carabina 700 Pcr - Precision chassis rifle (in alto nella foto) e di cui condivide, appunto, chassis in alluminio e azione.
Per adesso con “short action” e nei calibri .223 Remington, .300 Aac/Blackout e .308 Winchester, con canna di 10,5 pollici (266,7 millimetri) per i primi due calibri e 12,5 pollici (317,5 millimetri) per il calibro maggiore, tutte però con astina in alluminio con predisposizioni M-lok, volata filettata con protezione ad anello e senza organi di mira: per le ottiche e mire di back-up, c’è la guida Picatinny superiore.
L’impugnatura è una Magpul Miad, adotta scatto regolabile Remington X-mark pro e impiega caricatori polimerici da 10 colpi Aics compatibili, i pesi vanno da 2.698 grammi per i calibri .223 Remington e 300 Aac/Blackout ai 2.789 grammi nella versione in 308 Winchester; finitura anodizzata nera nelle parti in alluminio e Black Cerakote per azione e canna. Il prezzo suggerito al pubblico negli Usa è di 1.020 dollari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA