10 giugno 2019

Milano: il Taser bocciato per motivi ideologici

Sulla decisione del consiglio comunale di Milano di non dotare di Taser la polizia locale, è intervenuto il segretario generale del Sap con una lettera aperta al sindaco Sala. Cosa ha detto?
Non sono solo i consiglieri comunali dell’opposizione a criticare la decisione assunta qualche giorno fa dal comune di Milano di non dotare gli operatori della polizia locale meneghina delle pistole elettriche tipo Taser: sull’argomento si è pronunciato, con una lettera aperta al sindaco, il segretario generale del Sap (Sindacato autonomo di polizia) Stefano Paoloni.
«Da poliziotto», scrive Paoloni, vorrei «sottolineare come questo suo diniego appaia più frutto di una convinzione ideologica, che di un attento studio o analisi del rischio, rispetto alle funzioni di questo strumento. Eppure sarebbe bastato poco per rendersi conto che la sperimentazione partita quasi in tutta Italia, ad oggi, ha registrato brillanti risultati in termini di efficacia e risoluzione del servizio, di deterrenza e, soprattutto, sicurezza dei soggetti fermati e degli operatori stessi. Il Taser è uno strumento non letale di incredibile importanza, la giusta via di mezzo tra l'arma di ordinanza e lo sfollagente e risponde a due precise esigenze: quella di tutelare il collega impegnato nel servizio e, allo stesso tempo, tutelare il fermato che, in stato di escandescenza, potrebbe fare del male a se stesso, agli operatori e a chi gli sta intorno. A oggi, grazie al Taser, sono stati risolti positivamente tantissimi interventi e la cosa da non sottovalutare assolutamente è che molti di questi si sono risolti semplicemente mostrando lo strumento, senza azionarlo». Riguardo all’esperienza pratica condotta con i Taser dall’inizio della distribuzione sperimentale, commenta: «Per noi la sperimentazione è positiva. Si evita il contatto fisico, non dimentichiamo che lo scorso anno ci sono stati 240 operatori delle forze dell'ordine feriti in servizio. Solo in questa prima decade di giugno abbiamo assistito a oltre dieci aggressioni ai danni di appartenenti alle forze dell'ordine. Quasi una ogni giorno, con prognosi variabili dai 5 ai 30 giorni. Il fermato spesso desiste alla sola vista del Taser, perché sa bene che, se legittimati, lo useremo per bloccarlo. Infine c'è una significativa riduzione dell'uso della forza da parte dell'agente».

Chi fa strumentalizzazione?

Il Sap respinge al mittente l'accusa di strumentalizzazione che Sala aveva lanciato al ministro dell'Interno Matteo Salvini su questo argomento: sarebbe bastata una valutazione tecnica, «scevra da ogni qualsivoglia ideologia o simpatia politica, per comprendere che il Taser, oltre a una dotazione materiale, si traduce in una opportunità di maggiore sicurezza per chi ne fa uso e per gli stessi cittadini». Soprattutto a Milano, dove «periferie e stazioni, sono diventate zone franche e piazze di spaccio. Ecco, essendoci in ballo un diritto fondamentale come quello alla sicurezza, Lei, in veste di sindaco e per il principio di buon andamento, dovrebbe in questo caso fare valutazioni di carattere tecnico e non di carattere politico. Sono queste le strumentalizzazioni. E a farne le spese sono i cittadini».
© RIPRODUZIONE RISERVATA