17 June 2020

25 anni di successo per la gestione degli acquatici

Face celebra l’anniversario storico dell'Aewa e attende con impazienza ulteriori successi nella conservazione degli uccelli acquatici

Il 16 giugno 1995, a L'Aia, è stato firmato l'Accordo sulla conservazione degli uccelli acquatici migratori euroasiatici (Aewa). Oggi conta 80 parti contraenti attraverso le rotte migratorie, che collaborano regolarmente per conservare e gestire questi importanti uccelli. A differenza di molti altri accordi, il concetto di conservazione dell’Aewa include il riconoscimento sicuro della sostenibilità della gestione e, per questo motivo, rimane molto importante per i cacciatori europei.

Sin dall'inizio, i temi della compatibilità con la direttiva Ue sugli uccelli e la caccia agli uccelli acquatici sono stati parte dei negoziati e rimangono una sfida oggi. Per fortuna, negli ultimi 25 anni sono state raggiunte molte pietre miliari, anche su come ottenere una caccia sostenibile a livello internazionale fissando percentuali di abbattimento concordate, che molti avevano ritenuto impossibili. Questo successo è stato dimostrato questa settimana presso la piattaforma europea di gestione delle oche dell'Aewa.

Il pionieristico piano di gestione dell'oca zampe rosee delle Svalbard sta svolgendo la sua routine annuale e sta per raggiungere il livello della popolazione target attraverso un abbattimentto adattativo. Allo stesso modo, il piano d'azione sull'oca granaiola della Taiga (Taiga Bean goose) ha avuto successo nell'invertire il declino della popolazione, consentendo nel contempo una caccia limitata anziché imporre una moratoria totale. Per la prossima stagione venatoria, l’abbattimento limitato sarà leggermente aumentato, grazie al recupero della specie. Questi processi hanno inoltre migliorato la nostra conoscenza delle specie e contribuito a sviluppare le competenze sull’abbattimento adattativo in Europa. Face-European federation for hunting and conservation celebra i 25 anni di successo dell’accordo Aewa e attende con impazienza nuovi successi nella conservazione degli uccelli acquatici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news
Le ultime prove