Remington R25, una tattica in veste da caccia

23 settembre 2017
  • Salva
  • Condividi
  • 1/13 Look venatorio, con tanto di pattern mimetico Mossy oak Treestand, per il clone Ar 10 di Remington. Si chiama R25 ed è camerato, oltre che in .308, anche in .243 Winchester e 7 mm-08.
    Livrea camo e calibri "civili" per un clone Ar 10 che si rivolge ai cacciatori, tanto che per il nostro catalogo nazionale non è considerato sportivo. Il vestito venatorio nasconde però un'anima tattica, come dimostra la nostra prova

    Non tattica, ma venatoria

    Di Luca Brigatti - foto di Matteo Galuzzi

    Sul mercato esistono carabine semiautomatiche su meccanica Ar 10 o Ar 15 davvero per tutti i gusti: corte, lunghe, a canna pesante, a canna leggera, a presa di gas diretta o con il pistone, accomunate da alcuni elementi fissi: l’utilizzo di calibri di tipo militare e la destinazione per l’impiego tattico o tiro di precisione. Negli ultimi anni, praticamente tutti i maggiori fabbricanti hanno lanciato sul mercato una carabina di derivazione Ar 10 o Ar 15, anche aziende specializzate nella produzione di armi corte come Smith & Wesson, Les Baer o Para ordnance.
    Anche Remington, decisamente orientata sulla produzione di carabine a ripetizione manuale, ha deciso di lanciare sul mercato una sua carabina su piattaforma Ar: il modello R15, camerato per calibri compatibili con la meccanica Ar 15, e il modello R25, per calibri compatibili con il receiver Ar 10.
    Invece di fare l’ennesimo clone dell’arma militare, però, ha deciso di rivoluzionare il concetto di base esaltando la destinazione per l’impiego venatorio, tanto che il dipartimento di Stato statunitense ha riconosciuto la diversa natura di queste armi e le ha esentate dalle limitazioni che ne vincolano l’esportazione.

    Caricatore da 4 colpi

    Remington non è intervenuta tanto sulla meccanica, che impiega il collaudatissimo sistema Stoner, bensì sull’estetica.
    La carabina è prodotta, oltre che in .308 Winchester, anche in altri due calibri derivati dal primo, ma spiccatamente venatori, ovvero il 7 mm-08 e il .243 Winchester. Quest’ultimo è quello da noi scelto, in virtù della buona diffusione sul nostro territorio.
    Essendo indirizzata, almeno sulla carta, al popolo dei cacciatori, la R25 è offerta con un caricatore della capacità di soli quattro colpi. I serbatoi però sono intercambiabili con quelli prodotti dalla Dpms (non è un caso, entrambe le aziende sono parte della stessa holding) che hanno una capacità di 19 colpi. Ovviamente, questa possibilità è riservata agli appassionati americani, per gli italiani conta il numero di colpi con cui l’arma è stata catalogata. La soluzione Remington di offrire su una piattaforma Ar 10 calibri considerati estranei all’ambiente militare ha avuto effetto anche sulla nostra Commissione consultiva centrale per il controllo delle armi, che non ha preteso la classificazione sportiva: l’R25 è arma da caccia, con tutti i vantaggi che ne conseguono.
    Come abbiamo accennato, la R25 impiega il sistema a presa di gas ideato da Eugene Stoner, con il tubetto convogliatore dei gas che causa l’arretramento del portaotturatore e, di conseguenza, lo svincolo delle sette alette di chiusura dell’otturatore. Le alette, per la verità, visivamente sono otto, ma solo sette vanno in chiusura, mentre l’ottava non è altro che la costolatura di rinforzo dell’estrattore.
    Anche i comandi sono sempre gli stessi: pulsante di sgancio dell’otturatore sul lato destro, a portata dell’indice della mano destra, leva dell’hold open e della sicura sul lato sinistro. Non manca, sempre sul lato destro, il forward assist per completare la chiusura dell’otturatore, che con la sua porzione frontale squadrata funge da deflettore dei bossoli. La catena di scatto è di derivazione militare, in quanto il grilletto ha corsa in un unico tempo. L’upper receiver è ottenuto per estrusione da lega di alluminio T6066, mentre la sezione inferiore è ottenuta per fresatura da un blocco di lega di alluminio T6061. Sia l’elemento superiore sia quello inferiore sono poi anodizzati con uno speciale procedimento che porta la durezza superficiale a circa 65 Rockwell. I due elementi sono trattenuti da due spine passanti inserite dal lato destro e provviste di un sistema di ritegno che ne impedisce la completa fuoriuscita, in modo da eliminare il rischio di perdita accidentale.

    La manutenzione

    ​Per la manutenzione è consigliabile separare completamente l’upper receiver dal lower receiver, in modo che passando lo scovolo i residui carboniosi non finiscano accidentalmente nel pacchetto di scatto, evento non così remoto se si pulisce l’arma facendo semplicemente basculare in avanti l’upper receiver. L’interno del lower receiver è lavorato in modo da consentire l’alloggiamento solo degli elementi meccanici necessari al funzionamento in semiautomatico: nella sezione posteriore, subito dietro alla leva della sicura (dove nelle armi militari dovrebbe trovarsi la leva di consenso raffica) lo spazio si riduce ulteriormente. All’estremità posteriore è avvitato il tubo destinato ad alloggiare la molla di riarmo. Per smontare e rimuovere la molla, si ruota l’asta guidamolla in modo che una delle tre mezzelune concave si trovi in corrispondenza del perno di ritegno, quindi si abbassa quest’ultimo e si sfila l’asta guidamolla con la relativa molla. L’operazione deve essere effettuata con il cane armato in modo da evitare che l’asta guidamolla rimanga bloccata.
    L’otturatore è il classico tipo civile, con la sezione posteriore-inferiore lavorata in modo da impedire un eventuale azionamento della leva di consenso raffica.
    La canna è il pezzo indubbiamente più interessante: è ottenuta per bottonatura da una barra di acciaio 4140 al cromo molibdeno, la rigatura ha sei principi ad andamento destrorso con un passo di 10 pollici (250 millimetri). La canna ha un profilo prevalentemente cilindrico, tanto che la volata misura ben 21 mm, a tutti gli effetti può essere considerata una heavy barrel. Nel tratto compreso tra la culatta e la presa di gas ha sezione circolare, mentre subito dopo il blocchetto di presa gas presenta sei scanalature longitudinali (insomma è fluted) destinate ad aumentare la superficie e, pertanto, disperdere più rapidamente il calore. Il vivo di volata è finito recesso a corona.
    La canna non ha alcun punto di contatto con l’astina, di tipo tubolare in alluminio, pertanto è completamente flottante, a garanzia della massima precisione. L’astina presenta alcune feritoie per agevolare la ventilazione.
    Sia il calcio sia l’impugnatura, avendo sistemi di ancoraggio a specifiche Nato, possono essere rimpiazzati con altri di tipo tattico.

    Ideale la combinazione con un'ottica

    ​La R25 è sprovvista di organi di mira: al loro posto troviamo, nella parte superiore dell’upper receiver, un rail a tutta lunghezza realizzato secondo specifiche Nato a cui corrisponde un rail analogo ma di dimensioni più contenute posto sopra il blocchetto di presa gas. Grazie a quest’ultimo, l’arma può essere equipaggiata con organi di mira metallici, ma la sua vera inclinazione è senz’altro l’utilizzo in combinazione con un’ottica: considerato che, anche se il vestito è “da caccia”, in realtà l’anima è tattica, l’ideale è un’ottica tipo militare con torrette dotate di ghiere di tipo alto. Nel nostro caso abbiamo montato un cannocchiale Leupold Mark IV 8,5-25x50 equipaggiato di reticolo Tmr.
    L’aspetto sicuramente più originale dell’arma è senz’altro la finitura: i due elementi del receiver, calcio, impugnatura e astina sono coperti con una mimetizzazione con pattern Mossy Oak Treestand, ideale per un utilizzo in bosco di tipo europeo o nordamericano. Piacevole il contrasto con le altre componenti, brunite color nero opaco: canna, portaotturatore, manetta a “T” di armamento, carter coprifinestra di espulsione, calciolo, caricatore, sicura, grilletto, pulsante di sgancio caricatore, hold open e spine.

    La prova e l'effetto miraggio

    Per la prova di tiro abbiamo voluto provare sia munizioni commerciali sia ricaricate, effettuando rosate con un numero di colpi pari alla capacità massima del caricatore, ovvero quattro.
    Dopo una taratura di massima effettuata prima a 100 metri e successivamente a 300, abbiamo iniziato con le munizioni commerciali battezzando l’arma con le Remington con proiettile Accutip di 95 grani, con le quali abbiamo ottenuto una rosata di 12 mm a 100 metri che a 300 si è allargata a 33 mm, un risultato inaspettato. Come seconda tipologia abbiamo utilizzato l’avanzo di una vecchia scatola sempre di Remington, questa volta con palla Soft point di 100 grani: nonostante i soli 5 grani di peso di palla di differenza non abbiamo replicato i risultati precedenti, a 100 metri la rosata misura 28 mm, superiore al fatidico moa, a 300 metri ha ulteriormente allargato a 55 mm. Come terza tipologia abbiamo impiegato cartucce Hirtenberger con palla Nosler Soft point di 100 grani e, anche in questo caso, non siamo rimasti pienamente soddisfatti, in quanto la rosata è risultata di 24 mm a 100 e 54 mm a 300 metri, risultato sovrapponibile al precedente.
    Siamo quindi passati alle ricaricate, per le quali abbiamo impiegato bossolo Fiocchi e innesco Remington Large rifle. È stata l’occasione per sfogarci a dovere, visto che complessivamente abbiamo allestito 200 colpi. Per la prima ricarica abbiamo utilizzato palle Hornady Sst di 95 grani spinte da 44 grani di Vihtavuori N160, con cui abbiamo ottenuto una rosata di 21 mm a 100 metri che è diventata di 48 mm a 300 metri. Come seconda combinazione abbiamo utilizzato palle Alpinbullets di 66 grani spinte da 49 grani di N160 leggermente compressa: con queste cartucce, grazie anche all’unico proiettile di tipo match impiegato nel test, abbiamo ottenuto una rosata di 9 mm a 100 metri, che si è trasformata in 25 mm a 300 metri. Un risultato diremmo inaspettato per un calibro prettamente venatorio.
    A causa della canna fluted, il calore viene dissipato con una certa rapidità: pertanto in breve tempo (circa 3 caricatori sparati in rapida successione) inizia a essere percepito sotto forma di effetto miraggio. Dopo 10 caricatori, il calore sviluppato dalla canna è tale che è impossibile vedere nitidamente il bersaglio, per contro anche dopo 200 colpi sparati con un ritmo sostenuto la rosata non tende minimamente a deviare rispetto al punto mirato, tende solo leggermente ad allargarsi più che altro per l’effetto miraggio, che rende difficile l’acquisizione del bersaglio.

    Arma da tiro con veste da caccia

    Analizzando i bersagli si nota subito la predilezione della canna per palle di peso leggero, fino a 95 grani: le 100 grani tendono a destabilizzarsi, specialmente sulle lunghe distanze.
    L’espulsione è netta e decisa con le munizioni commerciali, mentre con le cartucce ricaricate con le Alpinbullets abbiamo avuto un problema di inceppamento dovuto alla fuoriuscita dell’innesco, che è andato a bloccare il riciclo dell’arma.
    Lo scatto in un unico tempo è, purtroppo, molto pesante e, inoltre, ha una corsa lunghissima costellata di grattamenti: un intervento sui piani di lavoro o la sostituzione con uno scatto da competizione è consigliabile.
    L’impostazione di tiro è la classica dei fucili sistema Ar, quindi lineare, con un rinculo scaricato completamente sul piano orizzontale. L’energia del rinculo non punisce affatto la spalla, più avvertibile il classico rumore di ferraglia durante l’arretramento dell’otturatore, dovuto alla compressione della molla vicino alla guancia del tiratore e comune alla maggior parte dei cloni Ar 10-15.
    Siamo partiti con l’idea di avere per le mani un fucile da caccia e siamo giunti alla conclusione che, in realtà, è un’arma da tiro semplicemente con un vestito venatorio. Forse il calibro .243 Winchester non è il più indicato per le competizioni, anche se comunque rimane pur sempre un calibro molto preciso, specialmente con le munizioni ricaricate con palla da competizione. La versione in 7mm-08, sotto questo aspetto, ha invece tutte le carte in regola per dare filo da torcere ad altre armi della sua categoria.
    Giocando sull’aspetto venatorio Remington, al contrario della maggior parte degli altri produttori statunitensi di cloni di Ar 10 o 15, assicura la pronta disponibilità dell’arma nelle armerie italiane e un prezzo ragionevole, il tutto senza dover aspettare mesi.


    ​L'articolo completo è stato pubblicato su Armi e Tiro - novembre 2009

    Scheda tecnica

    Produttore: Remington, www.remington.com
    Importatore: Paganini sas, corso Regina Margherita 19 bis, 10124 Torino, tel 01.18.17.78.60, fax 01.18.35.418, www.paganini.it, mail@paganini.it
    Modello: R25
    Destinazione d’uso: tiro a segno e caccia
    Tipo: carabina semiautomatica
    Calibro: .243 Winchester (disponibile anche nel calibro 7 mm-08)
    Funzionamento: presa di gas diretta, otturatore a testina rotante
    Canna: lunga 508 mm, (20 pollici), con sei righe ad andamento destrorso e un passo di 1:10” (254 mm)
    Alimentazione: caricatore prismatico bifilare a doppia presentazione
    Numero colpi: 4
    Percussione: cane interno
    Estrattore: a unghia posto sul lato destro dell’otturatore
    Espulsione: espulsore a piolo ricavato nella faccia dell’otturatore
    Mire: assenti; slitte Picatinny su upper receiver e blocco presa gas per il montaggio di ottiche o mire metalliche
    Scatto: di tipo militare in un unico tempo
    Sicurezze: manuale alla catena di scatto
    Calciatura: in Zytel con impugnatura a pistola separata, astina in alluminio
    Peso: 3.968 grammi
    Lunghezza totale: 1.009 mm
    Materiali: receiver in alluminio, canna e meccanica in acciaio
    Finitura: mimetica con pattern Mossy Oak Treestand; canna, caricatore, leveraggi e calciolo neri opachi
    Numero del catalogo nazionale: 17.580 (arma da caccia)

    © RIPRODUZIONE RISERVATA