di Claudio Bigatti - 31 agosto 2019

Un “dissuasore” rivoluzionario… a 5 colpi

Il dissuasore elettrico israeliano Magen5 introduce una serie di novità promettenti: il primo ad offrire 5 “colpi” e con una diversa serie di opzioni…

1/2

La prima novità è certamente il fatto di disporre di un caricatore amovibile dotato di 5 colpi ossia, ad ogni trazione del grilletto partono due sonde a colpire il bersaglio, ma se si dovessero presentare nuove minacce, basta rilasciare il grilletto e automaticamente le cartucce di lancio collegate al Magen5, vengono espulse e il dispositivo è pronto a ingaggiare un nuovo soggetto. Soluzione particolarmente utile in caso di operatore solo o rimasto isolato e in contesti di folla aggressiva: opzione tra l’altro, unica al momento nel settore.

Non solo, il Magen5 ha uno speciale dispositivo che limita la scarica, in ogni caso, a 3 secondi. Con il blocco del grilletto dopo lo sparo, si può utilizzare la modalità “conservazione” ossia, si può abbandonare il dispositivo a terra collegato al soggetto immobilizzato e, grazie alle mani libere, ammanettare più velocemente il soggetto da soli (operazione nota come “Cuffing under power”). Il Magen5 inoltre, è dotato di una batteria ricaricabile capace di una autonomia operativa di più di 150 cicli, inseribile nell’impugnatura come un normale caricatore, un apposito led avvisa inoltre, sullo stato di carica in esaurimento della batteria.

Tra le novità, la possibilità di scelta della tipologia delle sonde più opportuna a seconda delle latitudini o stagioni: nei climi caldi o temperati, la lunghezza degli uncini delle sonde è minima, in climi rigidi e quindi con presenza di capi di abbigliamento più pesanti, la lunghezza degli uncini è più lunga per essere sicuri di passare la barriera dei vestiti. È comunque possibile e per buona misura, dotare l’operatore di caricatori don le due differenti tipologie. A ogni modo e dopo attenti studi, la base degli uncini del Magen5 (altrimenti detti sonde…) è stata allargata in modo da meglio distribuire sulla superficie del bersaglio l’energia all’impatto, questo per non arrecare danni inutili al soggetto.

Le distanze operative e a seconda dell’utilizzatore (civile o forze dell’ordine) in base alla lunghezza dei cavi, possono essere di 3, di 4,5 oppure di 10 metri.

Il dispositivo elettrico è anche dotato frontalmente di due elettrodi fissi per modalità “a contatto” ossia, per immediata autodifesa a distanza ravvicinata o dissuasione, in questo ultimo modo azionando preventivamente la scarica elettrica (visibilissima tra i due elettrodi) in modo da avvertire i riottosi.

Come ulteriore sicurezza dell’operatore, il Magen5 contiene uno speciale dispositivo collegato ad un sensore individuale sulla persona (sulla tipologia esistono diverse alternative non tutte rivelabili pubblicamente) che in caso di “allontanamento” superiore a 150 millimetri del dissuasore, blocca i circuiti di funzionamento. Tra gli accessori opzionali del Magen5 figurano: puntatore laser, torcia, telecamera e registro eventi elettronico. Il Magen5 tra l’altro, risulta omologato dal ministero della Salute e dal ministero dell’Interno per le gare di appalto. Il Magen5 è distribuito in esclusiva per l’Italia dalla Trade company di Sarzana (Sp).

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news
Le ultime prove