17 maggio 2020

Per i Tsn un’altra settimana di stop

Un comunicato firmato dal commissario straordinario dell’Uits spiega che l’attività sportiva riaprirà il 25 maggio (o domani, ma solo se previsto da un'ordinanza regionale...). Stesso discorso per l’attività istituzionale addestrativa, mentre resta sospesa l’attività formativa

Nel pomeriggio di domenica 17 maggio è arrivata la tanto attesa comunicazione da parte della Uits, firmata dal commissario straordinario Igino Rugiero: i Tsn potranno riaprire sia per l’attività sportiva sia per quella istituzionale addestrativa a partire da lunedì 25 maggio, mentre resta sospesa l’attività istituzionale formativa, vale a dire quella relativa alla certificazione per l’abilitazione al maneggio delle armi, obbligatoria per coloro che intendono richiedere un titolo di ps (Porto d’armi o Nulla osta). Inutile negare che molti speravano in una riapertura già a partire da lunedì 18, visto che i poligoni privati hanno già iniziato l’attività da alcuni giorni. L’unica speranza, sottolineata dallo stesso Rugiero, è che l’autorizzazione ad aprire una settimana prima arrivi da un’ordinanza del presidente della regione. A questo punto una domanda sorge spontanea: ma se in una qualsiasi regione italiana un Tsn può riaprire lunedì 18 in forza di un’ordinanza regionale, non sarebbe, forse, stato più lineare che a dare l’input fosse direttamente la stessa Uits?

Ecco il testo del comunicato ufficiale

“Cari presidenti, ho voluto attendere l’emanazione del dpcm di ieri prima di darvi notizia delle ultime decisioni prese e riferite alla possibilità di ripartire al più presto e che sono frutto di una come sempre complessa, lunga ed attenta analisi dei diversi quesiti ricevuti nelle ultime settimane e dei continui confronti con le autorità di governo e sportive di riferimento.

Attività sportiva. Le sezioni TSN a livello nazionale potranno riprendere regolarmente l’attività sportiva dal 25 maggio 2020 salvo diverse disposizioni contenute in eventuali ordinanze regionali che ne anticipano la riapertura. Sino ad allora resta valido quanto disposto dal dpcm del 26/4/2020 che autorizzava esclusivamente le sessioni di allenamento degli atleti di discipline sportive individuali, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive Federazioni, in vista della loro partecipazione ai Giochi Olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali di rilievo. A riguardo ho dato mandato al mio Ufficio Sport di iniziare a studiare un piano per la ripresa delle competizioni sportive a livello nazionale.

Attività istituzionale formativa. L’attività istituzionale/formativa rimane sospesa come disposto dal dpcm del 26/04/2020. Si rammenta che l’eventuale possibilità di ripresa dell’attività “istituzionale formativa” in quelle Regioni in cui le apposite ordinanze regionali, in deroga alle disposizioni governative, lo consentano, dovranno seguire le indicazioni emanate dalla UITS nell’ultimo comunicato ufficiale. Pertanto dovrà essere acquisito il benestare scritto da parte delle singole prefetture competenti per territorio e necessariamente indirizzato alla UITS per la successiva autorizzazione ai fini della copertura giuridico/amministrativa per la gestione in deroga di tale attività; altresì, le Sezioni interessate dovranno documentare di aver attuato tutte le procedure previste dal protocollo di gestione degli impianti, per il contenimento della diffusione del virus, per il tramite dei propri Comitati Regionali.

Attività istituzionale addestrativa. L’apertura delle sezioni di TSN nazionali per lo svolgimento esclusivo della sola attività istituzionale/addestrativa è disposta, assumendomene le responsabilità, dal 18 maggio 2020 per le sezioni di TSN già autorizzate da ordinanze regionali in deroga alle disposizioni governative, dal 25 maggio per tutte le altre sezioni di TSN nazionali nelle more di eventuali osservazioni che questa UITS dovesse ricevere dalle autorità interessate a seguito della lettera prodotta di concerto con il segretario generale e che domani mattina sarà trasmessa ufficialmente e di cui raccomando a tutti voi di leggerne il contenuto da considerare anche come linee guida.

Si ricorda che la riapertura delle sezioni per lo svolgimento sia dell’attività sportiva che solo per quella istituzionale addestrativa (non formativa) dovrà essere monitorata dai presidenti dei comitati regionali che dovranno verificare l’effettiva attuazione delle misure di contenimento e prevenzione dell’epidemia richieste e darne assicurazione a questa UITS.

A Voi tutti, compresi i pochissimi critici delle diverse, e vi assicuro difficili, decisioni da me prese durante questa epocale emergenza sanitaria, da parte di tutti noi un enorme grazie per la pazienza, la comprensione e la dimostrazione di affetto e vicinanza all’Uits che, ho già più volte detto, non vi ha mai trascurato e che da domani ancora più di ieri sarà riferimento per tutti voi nell’interesse collettivo per una rinascita ed un rinnovamento che credo fortemente necessario per essere al passo con i tempi

ed in linea con quanto si aspettano il ministero della Difesa, il ministero dello Sport, Sport e Salute ed il Coni, realtà con cui mi interfaccio regolarmente e con le quali ho già intrapreso importanti iniziative che da decenni dormicchiavano in attesa di essere risvegliate. Spero di riuscire a portarne a termine qualcuna e quindi evitare rimangano per tutti noi solo un sogno, ma possano diventare realtà: la Nostra!”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news
Le ultime prove