di Massimo Vallini - 04 January 2018

Munizioni: stangata di fine anno sulle licenze di trasporto

Una circolare ministeriale sul trasporto delle munizioni fa infuriare produttori e distributori. Stefano Fiocchi: «Il ministero ha deciso senza consultarci, non ha nessuna cognizione di come avviene il commercio delle munizioni in Italia»

Munizioni: stangata di fine anno sulle licenze di trasporto

Stefano Fiocchi, presidente dell’Associazione nazionale produttori armi e munizioni sportive e civili (Anpam), nonché della celebre azienda lecchese, ha definito un “fulmine a ciel sereno” la circolare sulle licenze di trasporto dei prodotti esplodenti diramata a questure e prefetture il 27 novembre scorso e che produrrà grandi problemi non solo a produttori e distributori, ma anche alle stesse questure e prefetture. «Non siamo stati consultati come invece di solito il ministero fa e, sinceramente, non abbiamo capito il motivo. Per di più, proprio nel momento peggiore dell’anno, in coincidenza con i rinnovi delle licenze permanenti di trasporto», spiega Fiocchi. «Capiamo le esigenze del ministero di esercitare ogni forma di controllo atta a tutelare la sicurezza pubblica e abbiamo sempre collaborato con forte senso di responsabilità, ma questa circolare rischia di creare una gran confusione, penalizzare chi opera nella piena legalità con un sistema che funziona da decenni, anche negli anni bui delle terrorismo, ma che rischia di non avere effetti positivi nella tutela dei cittadini».
L’Associazione si è attivata quanto meno per ridurre l’impatto del provvedimento, lamentando gli ulteriori adempimenti previsti: il più eclatante è l’avviso di trasporto che è stato esteso ai prodotti della I, IV e V categoria (in ragione dell’articolo 9 Tulps perché la legge non lo prevede) e che dovrà essere presentato entro un “termine congruo” prima di ogni spedizione. Fino a ora la licenza di trasporto permanente autorizzava più spedizioni nell’arco dell’anno, senza avviso, proprio in ragione dei continui rifornimenti necessari, in relazione al limite di detenibilità delle armerie. «La circolare è stata fatta senza l’esatta cognizione di come avviene da sempre la distribuzione di munizioni in Italia. Le licenze permanenti, ci consentono appunto di soddisfare il continuo fabbisogno delle armerie durante l’anno, che a seconda delle vendite settimanali ordinano alle aziende quantitativi che sono anche di sole 100 cartucce per volta proprio nel rispetto della propria licenza di detenzione e vendita di prodotti esplodenti. In Italia stiamo parlando, di qualche decina di migliaia di movimentazioni all’anno, per le quali adesso occorrerà dare avviso seppur in via email. Ciò si tradurrà in lavoro e burocrazia non solo per noi e ma anche per gli uffici territoriali».
Attualmente non vi è ancora uniformità su quali notizie fornire nell’avviso oltre a quanto sia il “tempo congruo”. Conclude Fiocchi: «Ancora una volta a fronte di qualche deplorevole episodio per il quale eventualmente dovrebbe pagare chi ha sbagliato, il ministero decide di calare su tutto il settore misure restrittive, sulla cui efficacia vi è molto da discutere! Sicuramente se fosse stata condivisa prima e capendo le reali esigenze di ps si sarebbe giunti a un risultato migliore per tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA