di Claudio Bigatti - 12 ottobre 2019

Le S&W M&P M2.0 diventano Subcompact

Il successo della Sig P365 ha rilanciato il segmento delle Subcompatte negli Usa e la Smith & Wesson risponde con l’artiglieria pesante…

Si, perché la linea delle sub compatte della casa di Springfield non si limita solo al 9x19 ma fa scendere in campo le relative versioni in .40 S&w e .45 Acp.

La nuova S&W M&P9 M2.0 Sc adotta canna da 3,6 pollici identica a quella della S&W M&P9 M2 Compact 3.6 ma, accorcia l’altezza dell’impugnatura con riduzione della capacità nel caricatore bifilare che da 15 passa a 12 colpi rendendo più discreta l’occultabilità; vi è comunque la possibilità e con due apposite magazine sleeves, di aumentare il numero dei colpi rispettivamente a 15 e a 17.

La S&W M&P M2.0 calibro 9x19 Sc misura complessivamente 167 millimetri di lunghezza e pesa 708 grammi scarica mentre la S&W M&P40 M2.0 Sc calibro .40 S&W, pesa 734 grammi scarica ed ha una capacità di 10 colpi (oppure 13, 15 con magazine sleeves ).

Analogo discorso per la S&W M&P45 M2.0 calibro .45 Acp, adotta canna da 4 pollici della Compact (lunghezza totale dell’arma pari a 190 millimetri) ma accorcia anche qui, la lunghezza dell’impugnatura con conseguente riduzione da 10 a 8 colpi; il peso è invece di 779 grammi

Tutte sono disponibili opzionalmente con sicura a leva esterna e verranno tutte messe in vendita sul mercato americano a 569 dollari.

Ricordiamo che le S&W M&P M2.0 sono pistole semiautomatiche con sistema striker, con fusto polimerico e sistema di inertizzazione della precarica al percussore ante smontaggio.

I prodotti Smith & Wesson sono distribuiti in Italia da Prima armi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news
Le ultime prove