10 maggio 2019

Le ragazze "terribili" dello Skeet

Diana Bacosi e Chiara Cainero argento e bronzo dietro a un'irraggiungibile Kimberly Rhodes. Le azzurre conquistano comunque con autorità le carte olimpiche per Tokyo
Le super mamme del Tiro a volo non deludono. Diana Bacosi e Chiara Cainero hanno conquistato l’argento e il bronzo di Skeet nella terza prova di Coppa del mondo Issf, portandosi a casa anche le due carte olimpiche in palio per i Giochi di Tokio 2020. Insieme sul podio di Rio 2016 e ancora unite nel viaggio che porterà all’edizione giapponese del prossimo anno, le due leonesse oggi hanno ceduto le armi solo alla statunitense Kimberly Rhode, anche lei con loro sul podio brasiliano, che oggi si è messa al collo il trzo oro della stagione 2019 (21esima vittoria in Coppa del mondo).
La portacolori dell’Esercito, umbra di nascita e tosco-laziale di adozione, è entrata in finale con un 123/125 da record che le ha garantito il dorsale numero uno nel round decisivo e mirato dritta al podio tenendo il ritmo della Rhode e affrontandola nel duello finale per la vetta. Alla fine si è dovuta arrendere con il punteggio di 57/60 a 54/60.
“Sono felice di aver raggiunto questo importante obiettivo", ha commentato l’olimpionica di Rio, "Ho lavorato tanto, sofferto molte delusioni, ma sono sempre ripartita più determinata che mai. Insieme alla mia compagna di squadra Chiara Cainero abbiamo mandato un importante messaggio: l’Italia c’è! Voglio ringraziare la mia famiglia, il mio dt Andrea Benelli, l’Esercito Italiano, il presidente Luciano Rossi e i miei sponsor Clever e Beretta. Tutti insieme siamo una squadra fortissima.
Uno speciale ringraziamento lo voglio dedicare anche a Celso Giardini e alla sua famiglia che mi sopporta e supporta tutti i giorni”
.
Prova maiuscola anche per la carabiniera friulana. Dopo aver chiuso le qualificazioni con il dorsale numero tre con lo score di 120/125 +2, dopo un momento di esitazione iniziale ha ripreso il pieno controllo assicurandosi il terzo posto con 44/50.
“È stata per me una gara molto impegnativa con piattelli non facili. Ci ho creduto fino alla fine e non ho mai mollato", ha commentato soddisfatta anche l’olimpionica di Pechino 2008 e argento a Rio 2016. "Mi sono allenata molto in questi mesi per centrare l’importante obiettivo del pass per Tokyo 2020 assieme alla mia compagna di squadra Diana. Ringrazio la Federazione e il dt Andrea Benelli per la fiducia che mi hanno dato e Filippetti (il tecnico federale Andrea, ndr) per Il contributo dato durante la gara, il gruppo sportivo carabinieri e i miei sponsor Beretta e Clever”.
Lontana dalla finale e dalla lotta per le medaglie Simona Scocchetti (Esercito) di Tarquinia (Vt), diciottesima con il punteggio finale di 115/125.
“Grande soddisfazione per lo skeet italiano e per tuta la nostra Federazione che, come sempre, ci ha messo in condizione di fare bene", ha dichiarato il direttore tecnico Andrea Benelli. "È stata una grande gioia, arrivata alla conclusione di una gara difficile condotta bene fin dall’inizio. Sono arrivate due splendide medaglie e le carte che mancavano. Lo skeet italiano ha, ancora una volta, fatto il suo dovere e andrà in Giappone con il massimo numero di qualificati possibile. Voglio ringraziare il tecnico federale Andrea Filippetti che ha ben condotto le ragazze in gara. Queste due carte ci mettono in condizione di respirare e programmare l’appuntamento olimpico con più serenità. È stato un passaggio importante".
Protagonisti in pedana anche gli uomini, impegnati nelle prime due serie di gara. Al momento la classifica provvisoria è guidata da quattro tiratori che sono andati a riposo con il punteggio pieno di 50/50,m ma gli italiani si sono difesi bene, restando in corsa per la finale di domani. Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia e Giancarlo Tazza (Fiamme Oro) di Caserta hanno commesso un solo errore e domani partiranno dal punteggio di 49/50, mentre Elia Sdruccioli (esercito) di Ostra (AN) affronterà la seconda parte della gara con all’attivo 48 punti
La loro gara si concluderà domani con tre serie (75 piattelli, ndr) e la finale, prevista per le 9.30 italiane.

RISULTATI
Skeet Femminile: 1ª Kimberly RHODE (USA) 122/125 – 57/60; 2ª Diana BACOSI (ITA) 123/125 – 54/60; 3ª Chiara CAINERO (ITA) 120/125 (+8) – 44/50; 4ª Danka BARTEKOVA (SVK) 119/125 (+1+2) – 33/40; 5ª Assem ORINBAY (KAZ) 120/125 (+7) – 24/30; 6ª Olga PANARINA (KAZ) 119/125 (+2) – 15/20; 18ª Simona SCOCCHETTI (ITA) 115/125.
Skeet Maschile: Riccardo FILIPPELLI (ITA) 49/50; Giancarlo TAZZA (ITA) 49/50; Elia SDRUCCIOLI (ITA) 48/50

LA SQUADRA AZZURRA DI SKEET

Men: Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia (PT), Elia Sdruccioli (Esercito) di Ostra (AN), Giancarlo Tazza (Fiamme Oro) di Caserta (CE).
Ladies: Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI), Chiara Cainero (Carabinieri) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Simona Scocchetti (Esercito) di Tarquinia (VT).
Tecnico Federale: Andrea Filippetti.

LA SQUADRA AZZURRA DI TRAP

Men: Mauro De Filippis (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO), Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno (LT), Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP).
MQS: Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO).
Ladies: Silvana Maria Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI), Erica Sessa (Fiamme Oro) di Cava de’ Tirreni (SA), Fiammetta Rossi (Fiamme Oro) di Foligno (PG).
Direttore Tecnico: Albano Pera.
PROGRAMMA


Sabato 11 Maggio Gara Skeet Maschile (75 piattelli)
9.30 Finale Skeet Maschile

Domenica 12 Maggio Allenamenti liberi Trap

Lunedì 13 Maggio Allenamenti ufficiali Trap Femminile
Allenamenti ufficiali Trap Maschile – Giorno 1

Martedì 14 Maggio Gara Trap Femminile (75 piattelli)
Allenamenti ufficiali Trap Maschile – Giorno 2

Mercoledì 15 Maggio Gara Trap Femminile (50 piattelli)
Gara Trap Maschile (75 piattelli)
9.30 Finale Trap Femminile

Giovedì 16 Maggio Gara Trap Maschile (50 piattelli)
10.00 Finale Trap Maschile

Venerdì 17 Maggio Gara Trap Mixed Team
10.00 Finale Trap Mixed Team


N.B.: Tutti gli orari sono espressi in ora locale italiana (ora locale a Changwon +7 rispetto all’Italia
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news
Le ultime prove