di Claudio Bigatti - 19 luglio 2019

La produzione americana di armi sportive

L’ultimo report ufficiale sulla produzione e l’export (Annual manufacturing and exporting report) a cura dell’Atf è del 2017: un interessante spaccato che mostra il gigantismo americano e soprattutto, le differenti suddivisioni tipologiche. Non manca qualche sorpresa…

La tendenza, come risaputo, non è al rialzo: l’elezione a sorpresa di Donald Trump, presidente repubblicano e notoriamente non contrario per principio al mondo delle armi, ha spento l’irrefrenabile corsa agli acquisiti scatenatasi sotto la presidenza Obama. Questa analisi non ha pretese valutative in merito al trend di crescita o decrescita del mercato e sue tendenze future ma soltanto, di fotografare la situazione “congelata” al 2017 per rivelare “quanto” è stato prodotto e da “chi” riguardo alle armi Made in Usa. Ciò non toglie che un occhio più attento… possa cogliere indicazioni.

Produzione: i top 5

Al primo posto, la Sturm Ruger & Co. Inc. con un totale di 1.614.898 armi prodotte, al secondo posto la Smith & Wesson Corp. con 1.505.211 armi, al terzo posto la Remington Arms Co. con 772.485 armi, al quarto posto la Sig Sauer Inc. con 572.694 armi, al quinto posto la O.F. Mossberg & Sons Inc./Maverick arms con 391.401 armi.

Sturm Ruger sorpassa la Smith & Wesson nel 2017, ma va ricordato che la Ruger ha ottenuto questo primato ben 9 volte negli ultimi 10 anni. Va inoltre sottolineato che le prime due aziende classificate, producono entrambe pistole, revolver e fucili con sottili differenziazioni: la Smith & Wesson per esempio, non ha più in listino carabine bolt-action da caccia mentre la Ruger, sì. La Remington ottiene il terzo posto esclusivamente o almeno, in massima percentuale grazie ai fucili: carabine e fucili a canna liscia, non ha poi a catalogo i revolver; Sig Sauer invece, ottiene il quarto posto grazie essenzialmente alle pistole e alle carabine semiautomatiche mentre non ha bolt-action da caccia e le canne lisce; la Mossberg analogamente a Remington, produce essenzialmente carabine rigate e canne lisce. E la Glock? Al nono posto con 175.696 pistole: ed è l’unica tipologia prodotta dall’azienda austriaca. E come se la cava Beretta Usa? E’ al quindicesimo posto con 77.214 armi prodotte ma, pur sempre davanti a FN America, Taurus, Colt e Browning…

Pistole e revolver: i top 5

Al primo posto la Smith & Wesson Corp. con 1.239.894 armi prodotte, al secondo posto la Sturm Ruger & Co. con 953.727 armi, al terzo posto la Sig Sauer Inc. con 536.774 armi (solo semiautomatiche), al quarto posto la Heritage Mfg. Inc. con 226.065 (solo revolver), al quinto posto la Kimber Mfg. Inc. con 205.207 armi prodotte.

Notevoli i piazzamenti di Sig Sauer e Heritage Mfg. Inc. (la vedremo più avanti …) che producono una sola tipologia di pistole; il primo produttore nella classifica che produce entrambe le tipologie è al quindicesimo posto ed è la North Americans Arms Inc. con 46.497 armi.

Semiauto: i top 5

Al primo posto la Smith & Wesson Corp. con 1.032.450 semiautomatiche prodotte, al secondo posto la Sturm Ruger & Co. con 781.623 pistole, al terzo posto la Sig Sauer Inc. con 536.774 pistole, al quarto posto la Kimber Mfg. Inc. con 183.858 pistole che sopravanza la Glock al quinto posto, con 175.696 pistole. Il distacco della Smith & Wesson nei confronti della seconda inseguitrice è ancora notevole, nonostante i riusciti tentativi di ampliamento della gamma da parte di Ruger. Perché la Kimber sopravanza la Glock? Perché produce le 1911 mentre Glock… no.

Revolver: i top 5

Al primo posto la Heritage Mfg. Inc. con 226.065 revolver prodotti, al secondo posto la Smith & Wesson Corp con 207.384 revolver, al terzo posto la Sturm Ruger & Co. con 172.104 revolver, al quarto posto la North American Arms Inc. con 46.138 revolver e al quinto posto, la Charter Arms con 24.310 revolver prodotti.

Sorpresi per il primo posto? E soprattutto chi è e cosa produce questa azienda? La Heritage Manufacturing produce repliche della Colt SA e il 99% della produzione è basato sul modello Rough rider in calibro .22 lr. Degno di nota il sesto posto della Kimber con 21.139 revolver: la recente compatta serie K6 a 6 colpi Dao ha fatto centro, nonostante un prezzo non proprio competitivo. Certo, non sono grandi numeri rispetto i “colossi” del settore ma sono perlomeno indicativi.

Armi lunghe: i top 5

Questa classifica combina sia le armi rigate sia le canne lisce. Al primo posto la Remington Arms Co. con 717.904 armi (448.513 carabine, 269.391 shotgun), al secondo posto la Sturm Ruger & Co. con 661.171 fucili (661.155 carabine!), al terzo posto la O.F. Mossberg & Sons Inc./Maverick arms con 391.401 armi (88.571 carabine, 302.830 shotgun!), al quarto posto la Henry Rac Holding con 273.360 armi (267.214 carabine, 6.146 shotguns), al quinto posto la Smith &Wesson Corp. con 265.377 armi (265.377 carabine!).

Il primo produttore di carabine negli Usa è dunque la Ruger… che ha staccato prepotentemente la Remington e al terzo posto la Henry Rac Holding: più nota come Henry repeating arms, azienda fondata solo nel 1996 e che produce essenzialmente lever action calibro .22 lr (ma con oltre 1.000.000 di carabine Classic Lever action .22 vendute…). Delle carabine della Smith & Wesson invece, bisogna ricordare che si tratta essenzialmente di “Modern sporting rifle”: definizione oggi politicamente corretta degli Ar 15 (addio Black rifle!).

Il primo produttore di shotguns è Mossberg seguito dappresso però da Remington, al terzo posto la Kel Tec Cnc Industries Inc. (25.413 shotgun) che con i propri shotgun bullpup Ksg ha davvero spopolato: se non sembrano molti rispetto ai concorrenti, bisogna tener anche presente che si tratta di un singolo modello!

© RIPRODUZIONE RISERVATA