03 September 2018

Arriva 'sto recepimento?

La sera dell'8 agosto il consiglio dei ministri ha approvato il recepimento della direttiva europea 2017/853. Il termine per l'entrata in vigore si avvicina, ma ancora in Gazzetta ufficiale non appare nulla...

È ormai trascorso quasi un mese dall'approvazione da parte del consiglio dei ministri della stesura finale del decreto legislativo di recepimento della direttiva 2017/853: come è noto, la direttiva europea stessa ha fissato il termine per l'entrata in vigore al 14 settembre 2018, quindi ciò significa che restano meno di 15 giorni di tempo agli operatori delle forze dell'ordine, agli armieri, ai professionisti del settore e in genere agli appassionati per prendere visione del testo ufficiale, prima che esso diventi a tutti gli effetti "legge dello Stato". Passano i giorni, però, e in Gazzetta ufficiale non compare nulla. Tanto che cominciano anche a diffondersi tesi più o meno complottiste.
Occorre innanzi tutto dire che l'approvazione del testo definitivo (una volta sentite le commissioni parlamentari competenti, come previsto dalla legge delega del 2017) è avvenuta in uno dei momenti peggiori dell'anno, cioè in occasione delle ferie estive, il che può sicuramente aver comportato un rallentamento dell'iter di trasmissione per la pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Occorre anche osservare che, dopo l'approvazione da parte del consiglio dei ministri, l'atto ha senz'altro necessitato della firma da parte del presidente della Repubblica, il che ha comportato un ulteriore ritardo di qualche giorno. Occorre, infine, considerare che il decreto legislativo in oggetto non è vincolato all'obbligo di entrata in vigore dopo 15 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale (come previsto dall'articolo 73 della Costituzione per le leggi dello Stato), perché all'interno del decreto è previsto uno specifico termine di entrata in vigore, come peraltro previsto dall'ultimo comma dell'articolo 73 della Costituzione.
Resta il fatto che su una materia delicata e ricca di risvolti penali come quella delle armi da fuoco, non è accettabile che la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto legislativo avvenga così a ridosso del termine previsto di entrata in vigore. Non resta che attendere...

© RIPRODUZIONE RISERVATA