12 January 2020

I docenti dei corsi Armi e Tiro a Hit show 2020

Curricula di assoluto spessore per i docenti dei corsi che Armi e Tiro organizza a Hit show 2020, la fiera di Vicenza dall’8 al 10 febbraio

1 di 6

È istruttore di tiro istituzionale Uits, formatore istruttori Master Uits; iscritto al poligono Tsn dal 1977 e tiratore Uits dal 1981 e Ipsc dal 1995 con qualifica di Grand Master. Lavora al poligono di Padova e collabora con Armi e Tiro e aziende del settore armi/munizioni; addestra dal 1990 polizie locali, istituti di vigilanza, tiratori sportivi, forze dell'ordine e reparti operativi.
Tecnica: la ricarica delle munizioni per pistole e revolver. Con approfondimento dei 4 elementi che compongono la munizioni e ricerca delle combinazioni più performanti in funzione della disciplina praticata. Analisi degli strumenti, pregi e difetti del materiale disponibile in commercio.
Com’è nata la tua passione? La passione è stata trasmessa inizialmente da mio padre tiratore, approfondita negli anni con la pratica sportiva e affinata poi con la collaborazione ventennale con la rivista Armi e Tiro.
Un consiglio per gli appassionati della tua tecnica? È affascinante e regala grandi soddisfazioni nella ricerca della performance, che sia sportiva o ludica, ma richiede continui aggiornamenti, attenzione e non superficialità.

Ufficiale dell’Esercito Italiano, tiratore e istruttore di tiro.

Tecnica: Situational awareness (ricerca degli elementi per prevenire gli incidenti); Comandanti di se stessi: leadership singola o di gruppo.

Com’è nata la tua passione? Dalla volontà di aiutare gli altri e fornire un servizio utile alla comunità con una forte spinta a fare sempre meglio, senza mai porsi limiti.

Un consiglio per gli appassionati della tua tecnica?

Niente fronzoli o merletti, solo tecniche e tattiche realmente provate sul campo. Il segreto è solo nella cura dei fondamentali!

Avvocato criminologo, security consultant. istruttore di tecniche e metodologie di autodifesa, di tiro difensivo e istituzionale Uits.
Tecnica: gestire la sicurezza in casa. La sicurezza della propria abitazione, come quella della propria persona e di qualsiasi altro sito o individuo, nasce da una seria e realistica mappatura e valutazione dei rischi, per poi predisporre le contromisure adeguate. Cos’è un rischio e come si valuta? Come si predispone un piano di protezione della casa? Quali tipi di emergenza ci potremo aspettare? Cosa fare in caso di crisi? L’evento, aperto a tutti, propone un modello di piano di security a protezione della propria abitazione a portata di tutti, per poi offrire spunti tecnici e tattici di intervento in caso di crisi e necessità di gestire l’emergenza di security.
Com’è nata la tua passione? La mia passione per la difesa e la protezione propria e altrui nasce dall’unione tra lo studio della criminologia (perché e come l’uomo delinque), del diritto (come la legge ci tutela) e l’autoprotezione con e senza armi (come potersi proteggere in prima persona).
Un consiglio per gli appassionati della tua tecnica? Pianifica per ridurre il rischio per la tua incolumità e preparati nel caso in cui l’evento si dovesse comunque verificare.

È un operatore di una forza di polizia nazionale, istruttore di tiro, di tecniche operative militari e di polizia, di counter Ied e di medicina tattica. Ha frequentato oltre 30 corsi del settore tattico/operativo, in particolare quelli connessi ai servizi di protezione (close protection) e alle attività di combattimento (Cqb). In ambito sportivo pratica, con i colori del team Tanfoglio, la disciplina del tiro difensivo Idpa e Iasa, più volte campione italiano ed europeo.
Tecnica: impiego tattico della pistola, riservato agli operatori del settore. Gli argomenti trattati spaziano dall’approccio mentale dell’operatore di polizia all’impiego dell’arma in contesto operativo, passando per lo studio delle dotazioni in uso negli specifici servizi.
Com’è nata la tua passione? L’appartenenza a un corpo di polizia porta inevitabilmente tutti ad avvicinarsi al settore dedicato alle armi. Dopo circa quindici anni dedicati all’attività operativa, in contesti comunque specializzati, sono stato trasferito presso un centro in cui vengono formati tutti gli operatori che svolgono attività ad alto rischio. Da quel momento, era il 2003, c’è stato per me un crescente interesse nei confronti della formazione e dello studio di tecniche, tattiche e procedure, aggiornate e performanti.
Un consiglio per gli appassionati alla tua tecnica? Il consiglio che mi sento di dare agli appassionati è quello di continuare il proprio addestramento a prescindere dai risultati raggiunti, dando massima attenzione al mindset che è la vera chiave di volta per operare in ogni condizione al meglio delle proprie possibilità.

Responsabile progettazione e gestione del campo di Tiro lunga distanza di Terranuova Bracciolini (Ar), direttore di gara (Md) per il Campionato italiano F-Class girone centro, agonista Ex ordinanza Uits 300 metri.

Disciplina: Tiro lunga distanza.

Com’è nata la tua passione? Sempre attratto dalla precisione e dalla tecnica... inevitabile la scelta per questo sport.

Un consiglio per gli appassionati alla tua disciplina?

Frequentare persone e strutture che con passione e competenza portano avanti questa bellissima disciplina.

Nel 1998 ha vinto il primo trofeo per cacciatori indetto dalla Zoli, al quale è seguito quello del 2000. Nel 2011 e nel 2012 ha vinto entrambe le edizioni del Circuito Armi e Tiro nella categoria “cacciatori”. Collabora con l’armeria Regina, importatrice delle carabine Kelbly e con la ditta Tony Inc. di Gianantonio Quaglino nella sperimentazione e messa a punto di innovazioni nel campo del tiro con armi a canna rigata. Ha partecipato sporadicamente a qualche gara di Tiro a lunga distanza con risultati di rilievo.
Tecnica: ricarica di precisione per carabina.
Come è nata la passione per la tua tecnica? Ho conseguito il Porto d’armi all’età di 16 anni, nel 1973, e mi sono subito appassionato al Tiro a segno. Alla ricarica dal 1976. Nei primi anni mi sono iscritto all’Unione tiratori italiani di Bench rest.
Un consiglio per gli appassionati della tua tecnica? Studio della scienza balistica e sperimentazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news
Le ultime prove