04 aprile 2019

Sabato apre i battenti Hunting show Sud

Il prossimo fine settimana, torna Hunting show Sud, evento per gli appassionati di caccia e tiro sportivo del mezzogiorno. Le novità dalle aziende leader e 10 aree per testare i nuovi prodotti; da non perdere gli show del funambolo Raniero Testa

Lo spettacolo della Falconeria è tra le attrazioni di Hunting show Sud.
Manca poco al secondo appuntamento con Hunting show Sud, il salone dedicato agli appassionati di caccia e tiro sportivo di tutto il Sud. Sabato 6 e domenica 7 aprile, il centro Il Tarì di Marcianise (Ce) farà da cornice all’evento di Italian exhibition group, ampliato nei numeri e potenziato nell’offerta rispetto alla prima edizione, che mira a essere il punto di riferimento del settore nel Meridione. I grandi marchi italiani si sono dati appuntamento per presentare le loro novità e per dare la possibilità agli amanti della caccia e agli sportivi del tiro delle regioni del Sud di vedere di persona, provare e acquistare i prodotti del miglior Made in Italy. Saranno oltre 100 i brand rappresentati, su un’area complessiva di 10 mila metri quadrati. Dieci le linee di tiro allestite per dare la possibilità di testare, in totale sicurezza, le novità più interessanti. Armi da caccia e sportive, componenti e accessori, munizioni, incisioni, ottiche, soft air, coltelleria, una vasta selezione di articoli per uccelli da richiamo, elettronica e gps, abbigliamento per la caccia e l’outdoor, prodotti per cinofilia, turismo venatorio e molto altro sarà esposto a Hunting show Sud, che si svolge con il supporto di Anpam e in collaborazione con Conarmi e Assoarmieri. Partecipano alla Manifestazione tutte le associazioni venatorie e le federazioni del tiro.
Gli eventi in fiera. Da non perdere le occasioni di confronto su alcuni temi di attualità per gli appassionati. Sabato 6 aprile alle 14,30 (sala convegni del Tarì) è in programma il convegno organizzato da Federcaccia su “Il futuro dei calendari venatori e la problematica dei Key Concepts”, con gli interventi di Antonio D’Angelo, vice presidente nazionale Fidc; Lorenzo Carnacina, vice presidente nazionale Fidc; Sergio Scebba, presidente dell’Associazione gruppo inanellamento limicoli; Michele Sorrenti, responsabile scientifico ufficio Avifauna migratoria della Fidc; Alessandro Tedeschi, dell’associazione Amici di Scolopax; e Gian Luca Dall’Olio, presidente nazionale Fidc. Partecipano, inoltre, il senatore Fabio Di Micco, gli onorevoli Vincenzo Alaia (presidente del Comitato tecnico faunistico-venatorio regionale), Gianluca Cantalamessa, Giovanni Russo e Flora Della Valle, ufficio Foresta e caccia regione Campania. A moderare il convegno Marco Ramanzini, direttore de Il Cacciatore italiano”.
Ricco di spettacoli e dimostrazioni il programma degli eventi: dalla cinofilia, con le presentazioni e le dimostrazioni con i retriever, all’antica arte della falconeria. C’è grande attesa per gli spettacoli di Raniero Testa, recordman di piattello acrobatico, che ad Hunting show Sud ripeterà due volte al giorno il suo incredibile primato di tiro sportivo: colpire 13 piattelli in aria con altrettanti colpi. Otto le linee di tiro dedicate agli appassionati, in cui sarà possibile provare ben 22 diversi tipi di fucili. Novità 2019 tra le discipline presenti, il cinghiale corrente, che permetterà agli sportivi di confrontarsi su un bersaglio in movimento alla distanza di 25 metri. Sarà inoltre predisposto un poligono dedicato al Field target.
Info: hit-show.com/images/Hunting_Show_Sud/PDF/PROGRAMMA_Hunting_Show_sud.pdf
© RIPRODUZIONE RISERVATA