08 aprile 2019

Hunting show Sud si conferma

La seconda edizione del salone organizzato da Italian exhibition group migliora il risultato dello scorso anno e si consolida come fiera di riferimento per tutto il Meridione
Successo di pubblico per Hunting show Sud, il salone dedicato agli appassionati di caccia e tiro sportivo di tutto il Meridione, che si è tennuto a Marcianise sabato 6 e domenica 7 aprile. Organizzata da Italian Exhibition Group, la fiera ha proposto oltre 100 brand rappresentati, su un’area complessiva di 10 mila metri quadri. In crescita i visitatori che hanno affollato la due giorni, attirati dalle ultime novità presentate dalle aziende e dagli spettacolari eventi.
Alla sua seconda edizione, Hunting show Sud si conferma quindi un appuntamento di business, ma anche una grande festa per tutti gli amanti del mondo della caccia e del tiro sportivo, un risultato ottenuto grazie all’organizzazione di Ieg e alla collaborazione delle associazioni nazionali e locali del settore. Hanno infatti partecipato alla fiera: Arci Caccia Nazionale, Associazione Nazionale Libera Caccia, Atc Caserta, Cst Nazionale Associazione, Federcaccia, Fidasc, Fitav, Italcaccia, Unione Nazionale Enalcaccia. La fiera ha anche goduto del supporto di Anpam e della collaborazione con Conarmi e Assoarmieri.

Grande entusiasmo per gli eventi proposti in questi giorni, a partire dalle esibizioni di Raniero Testa shooter professionista e recordman che, insieme alla sua allieva Carlotta Manzotti, ha dato spettacolo e ha anche ripetuto più volte il suo incredibile primato di tiro sportivo: colpire 13 piattelli in aria con altrettanti colpi. Gli show sono stati impreziositi da lanci di coriandoli, fumogeni tricolori e tante sorprese, come l’atterraggio delle bandiere tricolore dal cielo.
Hanno conquistato il pubblico anche le esibizioni dei Falconieri del Re, uno dei più prestigiosi gruppi italiani di falconeria, un’arte millenaria tutta da scoprire, con voli spettacolari di poiane, falchi e gufi nel piazzale del Tarì e nei campi adiacenti alle linee tiro.
Anche il fascino dei retriever ha attirato l’attenzione del pubblico, con le dimostrazioni dei meravigliosi labrador dell’allevamento Zoccali di Sutri (Vt). A condurli Carmela Di Nardo e Luca Indrieri, del Centro cinofilo YellowJoy di Cosenza. “L’obiettivo di un buon addestramento”, racconta Carmela, “è il raggiungimento di un equilibrio tra l’iniziativa del cane e il controllo da parte dell’istruttore”.
Affollate anche le 8 linee di tiro dedicate agli appassionati che hanno potuto provare i nuovi prodotti esposti in fiera. Novità 2019 la disciplina del ‘cinghiale corrente’, che ha permesso agli sportivi di confrontarsi su un bersaglio in movimento alla distanza di 25 metri. Presente anche un poligono di tiro dedicato al Field target.

Hunting show Sud è stata anche occasione di dibattito sui temi di attualità del settore, come nel caso del convegno organizzato da Federcaccia, sul tema "Il futuro dei calendari venatori e la problematica dei Key Concepts", che ha reso note alcune ricerche sulla migratoria. “Gli studi presentati sono volti a sostenere i tempi di prelievo normalmente applicati dalla legge 157”, ha sottolineato Marco Ramanzini, direttore de Il Cacciatore Italiano e moderatore dell’incontro, “con la chiusura ai tordi e alla beccaccia previsti il 31 gennaio, senza immotivate restrizioni di calendario”. Più in generale è stato mostrato il lavoro svolto dall’ufficio avifauna migratoria di Federcaccia, anche con tecniche all’avanguardia come la radiotelemetria satellitare, che permette di seguire l’animale e i suoi movimenti in maniera molto precisa.
Al convegno hanno partecipato: Antonio D’Angelo, vice presidente nazionale FIdC; Lorenzo Carnacina, vice presidente nazionale FIdC; Sergio Scebba, presidente Associazione Gruppo Inanellamento Limicoli (GIL); Michele Sorrenti, responsabile scientifico Ufficio Avifauna Migratoria FIdC; Alessandro Tedeschi, Associazione Amici di Scolopax e Gian Luca Dall’Olio, presidente nazionale FldC. Hanno partecipano inoltre: il senatore Fabio Di Micco, gli onorevoli Vincenzo Alaia (presidente del Comitato Tecnico Faunistico-Venatorio Regionale), Giovanni Russo e Flora Della Valle, Ufficio Foresta e Caccia Regione Campania.
Grande interesse anche per il turismo venatorio, con numerose proposte e anche nuove destinazioni per gli appassionati.
Il prossimo appuntamento per gli appassionati della caccia e del tiro sportivo è per Hunting show Sud 2020.
© RIPRODUZIONE RISERVATA