04 ottobre 2019

Gli armieri delle forze armate in raduno

Il 2° Raduno personale "armieri" di forza armata è teso a mantenere saldi i rapporti e lo spirito aeronautico fra i militari specialisti attualmente in servizio e non, di ogni ordine e grado. C'era anche un aviere centenario

Si è svolto venerdì 20 settembre presso il Centro logistico munizionamento e armamento (Ce.Lo.Ma.) di Orte il 2° Raduno personale "armieri" di forza armata teso a mantenere saldi i rapporti e lo spirito aeronautico fra i militari specialisti attualmente in servizio e non, di ogni ordine e grado, e a ripercorrere le differenti esperienze professionali di ciascuno partecipando, nella circostanza, all'illustrazione dell'evoluzione dell'aeronautica militare nel settore di interesse.

L'evento è stato patrocinato dalle provincie di Terni e Viterbo e dal Comune di Orte, dal comune di Bassano in Teverina e dal comune di Vasanello, che hanno aderito all'iniziativa attraverso la promozione culturale e turistica del territorio locale.

La manifestazione è stata presieduta dal capo di stato maggiore dell’aeronautica militare, generale di squadra aerea Alberto Rosso, il quale al suo arrivo al Ce.Lo.Ma. è stato accolto dal comandante della 2^ divisione del comando logistico, generale isp. Giuseppe Lupoli, e dal comandante del centro, colonnello Pasquale Giulio Stasolla. All'evento hanno partecipato circa 500 radunisti, fra ufficiali, sottufficiali e truppa, in servizio e in congedo provenienti da tutta Italia, numerose autorità militari e civili del territorio, tra cui il vice prefetto di Viterbo, Claudio Fusco, Il questore vicario Carmine Ingrosso e i sindaci dei comuni patrocinanti.

Particolarmente gradita è stata la presenza al raduno dell'armiere più anziano d'Italia, il 1° aviere medaglia di bronzo al valor militare e croce di guerra al valor militare Francesco Vecchio che, lo scorso mese di maggio, ha festeggiato il suo 100° compleanno.

Il raduno ha avuto inizio con la cerimonia dell'Alzabandiera solenne, al termine della quale il Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica ha rivolto un indirizzo di saluto a tutti i partecipanti e, successivamente, accompagnato dalle Autorità militari e civili presenti, ha effettuato il taglio del nastro, gesto simbolico che ha aperto ufficialmente il raduno.

Per la giornata, sono state allestite apposite mostre per consentire la presentazione del materiale di armamento aereo e terrestre, compreso quello Eor/Eod, gestito e custodito dal Reparto. Grande interesse ha suscitato la mostra dell'armamento terrestre storico, dato l'elevato numero di pezzi custoditi presso il Centro. Apprezzate sono state inoltre le gare di tiro con il sistema Fats (Fire arms Training system), con armi ad aria compressa, e i test con il simulatore "Celestino" e il simulatore virtuale delle Frecce tricolori. Al raduno erano presenti, con propri stand e mezzi, la Croce rossa italiana sezione di Orte, i vigili del fuoco del Comando provinciale di Viterbo, la polizia stradale di Viterbo e la protezione civile sezione di Orte, oltre alle principali aziende del settore armamento.

Il Raduno si è concluso con un'esibizione degli sbandieratori della città di Orte e una visita culturale a "Orte sotterranea". (autore maggiore Roberto Renzetti)

1/2
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news
Le ultime prove