26 August 2017

Aitld sì che si fa onore

In attesa di leggere il resoconto del Mondiale sul fascicolo di ottobre, L'Associazione italiana Tiro lunga distanza (Aitld) intende replicare a una quantomeno imprecisa notizia di stampa
Aitld sì che si fa onore

In merito all’articolo “La Long range Italia si fa onore anche ai Campionati mondiali di F-Class”, pubblicato sul web in data 23.08.2017, l’Associazione italiana Tiro lunga distanza desidera precisare quanto segue.
• Tutti i tiratori italiani citati nell’articolo hanno preso parte al Campionato mondiale F-Class 2017 in quanto membri dell’Associazione italiana Tiro lunga distanza, della quale hanno vestito la divisa sportiva. L’iscrizione della squadra italiana al Campionato mondiale F-Class 2017 è stata integralmente finanziata dall’Associazione italiana Tiro lunga distanza. Nessun’altra associazione ha contribuito, in alcun modo, alla partecipazione della squadra italiana al Campionato Mondiale.
• L’Associazione italiana Tiro lunga distanza, mai citata nell’articolo, è stata ed è l’unica in Italia a promuovere ed organizzare la disciplina del Tiro lunga distanza, specialità F-Class, a partire dall’anno 2011.
• Non è corretto affermare, come indicato nell’articolo, che questa partecipazione consentirà “in futuro, al nostro Paese di sedersi tra i membri del consiglio della federazione mondiale”, in quanto già dal 2011 l’Italia è rappresentata all’interno della Icfra (International confederation of fullbore rifle association) dall’Associazione italiana Tiro lunga distanza, con Marco Alberini nel Board internazionale e con Gianluca Mayer nel F-Class committee.
• Non è corretto affermare, come indicato nell’articolo, che in quest’occasione si sia registrata la prima partecipazione di una squadra nazionale italiana ad un Mondiale F-Class, in quanto al Mondiale 2013, tenutosi in New Mexico (USA), l’Associazione Italiana Tiro Lunga Distanza aveva già presentato una squadra nazionale nella categoria a 4 tiratori.
• Non è corretto affermare, come indicato nell’articolo, che “in Italia nessuno può praticare con continuità questa disciplina sportiva” e che “in Italia non disponiamo di impianti permanenti dove allenarsi e gareggiare regolarmente”, in quanto l’Associazione italiana Tiro lunga distanza è al quinto anno consecutivo del campionato nazionale F-Class organizzato sul territorio italiano, con 5 campi di tiro e 32 gare (25 individuali + 5 a squadre + 2 finali nazionali) disputate nel solo 2017.
• Non è corretto affermare, come indicato nell’articolo, che “le nostre industrie benché possano tranquillamente dire la loro in questo settore a livello mondiale, non si sono mai attivamente impegnate nel promuovere e sostenere il nostro sport”, in quanto le aziende del settore hanno donato all’Associazione italiana Tiro lunga distanza, nel solo 2017, attrezzature sportive per un valore pari ad € 30.000,00, che l’Associazione ha messo integralmente a disposizione dei partecipanti e vincitori del Campionato italiano F-Class.
L’Associazione italiana Tiro lunga distanza auspica per il futuro che le informazioni riguardanti la nostra attività sportiva siano divulgate con maggiore correttezza e chiarezza nei contenuti, tanto a beneficio degli appassionati di queste specialità, quanto a tutela del lavoro svolto quotidianamente dall’Associazione evitando che si possano ravvisare lesioni di immagine della stessa, che ci costringerebbero a trattarle presso le sedi competenti.
Il Presidente Aitld
Marco Alberini


A onor di cronaca, il sito web che ha pubblicato l’articolo che Aitld ha inteso rettificare, ha poi chiesto scusa.

Aitld sì che si fa onore
© RIPRODUZIONE RISERVATA