R1X, il red dot tattico secondo Steiner

20 ottobre 2017
di Alessandro Chiarenza
R1X, il red dot tattico secondo Steiner
Diamo un’occhiata allo Steiner R1X, un red dot tattico concepito per resistere alle condizioni più estreme

Dopo l’americana Vortex, anche la tedesca Steiner si è lanciata nel campo dei red dot dotati di un’ampia lente per migliorare il campo visivo. Il risultato è lo Steiner R1X, un punto rosso dall’aspetto aggressivo e robusto concepito per l'impiego da parte di forze armate e corpi di polizia.
Quello che separa il prodotto della casa tedesca dalla concorrenza, è la possibilità di premere un bottone per passare da una modalità con un singolo punto rosso con diametro di 2 Moa a una che proietta 3 distinti punti rossi da 4,1 Moa. La prima opzione è pensata per distanze di circa 50 metri, mentre la modalità con 3 punti permette di avere dei riferimenti per il tiro ravvicinato a 10, 7 e 5 metri.
L’R1X è dotato di 7 livelli di illuminazione, che possono essere regolati tramite i pulsanti posizionati sulla parte destra dell’ottica. Sul lato sinistro, invece, troviamo l’alloggio delle batterie. Il red dot è in grado di funzionare con una singola batteria CR 2032, tuttavia è presente uno slot per aggiungerne una seconda in modo da prolungare la durata della carica fino a circa 750 ore. Altezza e derivazione vengono modificate tramite due viti e ogni click corrisponde a ¼ di Moa a 100 yard.
Nonostante lo Steiner R1X sia resistente ad acqua, urti e appannamento, conserva un peso piuttosto contenuto: 272 grammi.
Il punto rosso viene venduto con un attacco che posiziona il centro della lente 30 mm sopra il rail, è incluso anche un riser che porta l’altezza a 38 mm.
Il prezzo consigliato al pubblico per il modello base è di 630,99 dollari, la versione con attacco a sgancio rapido costa invece 50 dollari in più.

R1X, il red dot tattico secondo Steiner
R1X, il red dot tattico secondo Steiner

© RIPRODUZIONE RISERVATA