Heckler & Koch Hk237: l’arma per le distanze intermedie

4 dicembre 2017
di Claudio Bigatti
Heckler & Koch Hk237: l’arma per le distanze intermedie
La Heckler & Koch mostra l’Hk237 con una nuova calciatura telescopica compatta e la definisce, l’arma per le distanze intermedie per le Special forces: sia come conversione dal G36 sia come nuova arma…

L’azienda di Oberndorf sottolinea che le prestazioni del calibro sono balisticamente interessanti in relazione alla compattezza dell’arma, alle brevi e medie distanze tipiche nei contesti urbani e di conseguenza, altrettanto interessanti per le forze dell’ordine. Si sottolinea inoltre la convenienza di una eventuale conversione in .300 Aac/.300 Whisper da una qualsiasi piattaforma G36, o con la sostituzione del castello superiore completo o con la sola sostituzione del gruppo canna.
Le versioni dell’Hk 237 sono due, o con canna da 228 millimetri (9 pollici) o 318 millimetri (12,5 pollici), a seconda della lunghezza di canna la V0 con munizioni supersoniche può essere di 511-583 metri/secondo o 540-606 metri/secondo mentre il rateo di fuoco è di 890 colpi/minuto (con munizioni subsoniche si abbassa a 600 colpi/minuto).
Entrambi molto compatte, la versione con canna da 9 pollici misura 572 millimetri con calcio chiuso e quella con canna da 12,5 pollici in analoghe condizioni, 660 millimetri, grazie a una comune interfaccia possono montare le normali calciature regolabili e ribaltabili dei G36, compresa quella più recente con cui ha debuttato inizialmente l’Hk237, compatibile con l’uso di elmetti dotati di visiere balistiche o maschere antigas. Questa nuova versione comunque, visti gli ingombri di una Smg e la balistica di un Ar, si può tranquillamente considerare anche una perfetta Pdw - Personal defense weapon.




© RIPRODUZIONE RISERVATA