Il voto europeo per Assoarmieri e Conarmi

Il voto europeo per Assoarmieri e Conarmi

I presidenti delle due associazioni esprimono il loro parere sui candidati. Produttori e commercianti di armi hanno una precisa idea di quale voto sia davvero “utile”, soprattutto in prospettiva del lavoro parlamentare

De Castro: «In Europa un impegno sullo storno»

De Castro: «In Europa un impegno sullo storno»

Si ricandida il tre volte ministro dell’Agricoltura del Pd. Da cacciatore, ha preso un impegno sullo storno, ma si dovrà occupare di lupo e cinghiale. Cercando sempre una convergenza col mondo agricolo

La commissione europea "apre" alla caccia allo storno

La commissione europea "apre" alla caccia allo storno

La delegazione Face esamina diversi punti sulla caccia europea in un incontro con la Commissione ambiente Ue tenutosi a Bruxelles. Tra i vari punti, possoibile apertura per la caccia in deroga allo storno

La caccia a colloquio con la Commissione europea e il mondo agricolo

La caccia a colloquio con la Commissione europea e il mondo agricolo

Federcaccia e le altre associazioni venatorie di Fenaveri hanno partecipato all’incontro con la Commissione europea e il ministero dell’Ambiente sull’applicazione delle Direttive Natura. E la "Cabina di regia" ha incontrato Confagricoltura

Interrogazione alla Commissione Ue

Interrogazione alla Commissione Ue

L’europarlamentare Angelo Ciocca (Lega Nord) ha presentato un’interrogazione alla Commissione europea in merito alla recente modifica alla direttiva armi 91/477/Ce, votata dal Parlamento lo scorso 14 marzo

Tentano il colpo di mano!

Tentano il colpo di mano!

Firearms united ha dato l’allarme sulla propria pagina Facebook: la Commissione europea sta tentando il colpo di mano, quindi è fondamentale contattare i parlamentari per sostenere le ragioni del nostro mondo e spingerli a non cedere!

Il dibattito prosegue

Il dibattito prosegue

Il comitato per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni in seno al parlamento europeo, ha discusso il progetto di direttiva europea 2015/0269 Cod che, come è noto, vorrebbe proporre una drastica "caccia alle streghe" per i possessori di black rifle. Ecco il filmato della seduta

È un coro di no!

È un coro di no!

Il segretariato generale della Commissione europea ha inoltrato alle delegazioni i primi commenti dei Paesi membri alla proposta disarmista avanzata lo scorso 18 novembre. È un coro di no! In particolare, hanno già depositato le proprie deduzioni Austria, Bulgaria, Repubblica ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Lituania, Norvegia, Portogallo, Slovacchia, Spagna

Costi? Quali costi?

Costi? Quali costi?

Armi e Tiro ha chiesto un'intervista a El?bieta Bie?kowska, uno dei due commissari europei che hanno presentato il progetto di direttiva europea per la messa al bando delle B7. La risposta alle nostre domande, pervenuta tramite la portavoce Heli Pietilä, è decisamente sconcertante: nessuno, per esempio, si è minimamente preoccupato di valutare i costi dell'operazione! Che rischiano di essere a nove zeri

Tira una brutta aria dall'Ue

Tira una brutta aria dall'Ue

Come era ampiamente immaginabile, il clima di tensione conseguente agli attentati terroristici (da Charlie Hebdo in avanti) avrà ripercussioni anche sulle armi legittimamente detenute dai cittadini della Ue. Sotto attacco, ovviamente, i black rifle, che potrebbero essere messi fuori legge persino quando disattivati

Il documento Ue sull'uso criminale delle armi da fuoco

Il documento Ue sull'uso criminale delle armi da fuoco

La Commissione europea ha inviato un documento al Consiglio d'Europa e al Parlamento europeo, relativo alle strategie allo studio per "Le armi da fuoco e la sicurezza interna dell'UE: proteggere i cittadini e smantellare il traffico illecito"