Una “rivoluzione” vincente

10 agosto 2017
di Claudio Bigatti
Una  “rivoluzione” vincente
Dimensionalmente è un Ar 15 in tutto e per tutto, ma è camerato in .308 Winchester e… non è un Ar 10. Talmente rivoluzionario da meritarsi il prestigioso Industry choice award americano
come fucile dell’anno...

Ma come fa un Ar 15 a camerare il .308 Winchester e contemporaneamente, non essere un Ar 10? Upper receiver, porta otturatore (Bcg) e buffer tube hanno le stesse dimensioni a specifiche Ar 15, l’upper receiver però, ha una finestra di espulsione allungata; il lower receiver anche, ha le stesse dimensioni e identico interasse tra i due pins degli Ar 15 ma, bocchettone di alimentazione dimensionato per accogliere i caricatori degli Ar 10. Ovviamente cambia la testina dell’otturatore e il diametro di foratura della canna ma, anche questa, è profilata nella sua barrel extension con diametro a specifiche Ar 15. Dimensionalmente dunque, upper, lower, porta otturatore e annesso buffer tube… sono quelli di un Ar 15 e non, quelli di un Ar 10. In termini di peso poi, significa che il Pof Revolution con canna fluted da 16,5 pollici e compensatore a tre camere, pesa appena 3.311 grammi: se questa non è una rivoluzione...
L’arma tuttavia e aldilà di questa innovazione, ha tutta una serie di miglioramenti che hanno distinto e fatto apprezzare la gamma Pof. Innanzitutto il sistema di funzionamento è con pistone a corsa corta e l’azienda, è stata una delle prime ad impiegarlo sulle sue piattaforme, dotata inoltre di regolazione dei gas a 5 posizioni. Le importanti modifiche interne continuano con un porta otturatore originale e brevettato dotato di cam roller pin e finitura Nickel, buffer tube anti tilt, barrel nut sovradimensionato e con alette di raffreddamento, astina modulare Mrr, sistema di estrazione della cartuccia E2-Dual extraction, altro brevetto dell’azienda: la camera presenta 4 solcature radiali dove i gas dello sparo si infilano agevolando lo scollaggio della cartuccia diminuendo anche, lo stress all’unghia estrattrice. Quella delle solcature nella camera di scoppio, è sì prassi comune nelle armi con apertura ritardata a rulli, come nell’Hk G3 ma, non propriamente comune nelle altre armi con differente tipologia di funzionamento. Il Revolution inoltre, impiega il lower Gen4 dell’azienda, uno dei pochi veramente “ambi” nei comandi: oltre ai doppi comandi di sgancio caricatore e sgancio otturatore, questa versione è dotata di blocco dell’otturatore (bolt hold open) interno al ponticello del grilletto: è dunque possibile bloccare in apertura l’otturatore senza abbandonare la mano dalla presa. Negli Usa costa 2.669 dollari.


Per vedere i dettagli del Pof Revolution: https://www.youtube.com/watch?time_continue=58&v=U7NRXav3y_I

© RIPRODUZIONE RISERVATA