La Beretta M9A3 arriva in Italia?

14 September 2016
La Beretta M9A3 arriva in Italia?
La nuovissima Beretta M9A3, evoluzione della famosa M9, sarà finalmente disponibile anche sul mercato italiano. Da pochissimi giorni, infatti, è possibile prenotare l'ultima nata di casa Beretta in molte armerie italiane. Quali sono le sue caratteristiche?

La beretta m9a3 arriva in italia?

La nuovissima Beretta M9A3, evoluzione della famosa M9, sarà finalmente disponibile anche sul mercato italiano. Da pochissimi giorni, infatti, è possibile prenotare l'ultima nata di casa Beretta in molte armerie italiane.

La Beretta M9A3 ha diverse caratteristiche che la differenziano dalla M9 "classica". A una prima occhiata, possiamo subito notare come Beretta abbia deciso di utilizzare una finitura Cerakote color sabbia. Il processo di finitura Cerakote fornisce una maggiore resistenza a corrosione e agenti atmosferici rispetto a una brunitura tradizionale. L'impugnatura è stata ridisegnata e ora è più sottile e confortevole, riprendendo lo stile della Vertec di qualche anno fa. Nella confezione sono presenti, però, anche guancette avvolgenti che permettono di avere un'impugnatura più simile a quella della M9 originale.

La leva della sicura è stata leggermente rivolta verso l'alto, in modo da rendere più difficile azionarla accidentalmente. Il pulsante di sgancio caricatore, invece, è stato ingrandito per agevolare la ricarica dell'arma quando si indossano guanti. La canna della M9A3 è più lunga rispetto a quella della M9 e presenta una filettatura per il montaggio di moderatori di suono o compensatori. Tacca di mira e mirino sono amovibili e sul castello troviamo una slitta Picatinny con 3 slot. Infine, i caricatori della M9A3 sono stati dotati di un nuovo sistema di drenaggio anti-sabbia. L'arma sarà venduta con la valigetta imbottita che vedete in foto e 3 caricatori da 15 colpi. La Beretta M9A3 dovrebbe debuttare nelle nostre armerie a ottobre e sarà disponibile in calibro 9x21. Il prezzo di listino si aggira sui 1.800 euro.

Alessandro Chiarenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA