E’ ufficiale: l’Us army vuole l’Icsr - Interim combat service rifle in 7,62x51

11 agosto 2017
di Claudio Bigatti
E’ ufficiale: l’Us army vuole l’Icsr - Interim combat service rifle in 7,62x51
Da aprile girava notizia dell’interesse dell’Us Army per un nuovo combat rifle “ad interim” come gap filler in attesa di decisioni, su un futuro calibro intermedio e un nuovo assault rifle. Il 4 di agosto, però, viene pubblicata una “solicitation” ufficiale.

Da Aprile girava la notizia dell’interesse dell’Us Army per un nuovo combat rifle “ad interim” come gap filler in attesa di decisioni eventuali, su un futuro calibro intermedio ed un nuovo assault rifle. Il 4 di Agosto però, viene pubblicata una “solicitation” ufficiale.

Nella richiesta, viene addotta come motivazione la necessità di disporre in fretta di una arma in grado di utilizzare munizioni capaci di perforare le attuali protezioni balistiche che attualmente, sono immuni all’attuale calibro (il riferimento è al 5,56x45 M855 A1 che, aveva già migliori capacità di penetrazione rispetto l’M855…). E’però una spiegazione piuttosto vaga (e davvero pretestuosa…) sia in riferimento al livello di protezione in questione, sia in riferimento alla tipologia della munizione reputata insufficiente. E’ più probabile invece, sia una risposta per bloccare velocemente ed in qualche modo, l’overmatch da parte delle forze opponenti che impiegano e sfruttano ampiamente armi in 7,62x54R.
Il nuovo combat rifle ad interim Icsr quindi, dovrà poter impiegare impiegare la munizione 7,62x51 M80A1 Epr – Enhanced performance round. Nella richiesta, l’Army contracting command specifica che un esemplare dell’arma (e relativo moderatore di suono), dovrà pervenire all’ufficio entro il prossimo 6 Settembre: il quantitativo massimo indicato parla di 50.000 unità ergo…non andrà a sostituire gli M4 in 5,56x45 come alcuni, suggeriscono.
Nei prossimi mesi, scopriremo i contendenti e se tutto andrà a buon fine, il vincitore.






© RIPRODUZIONE RISERVATA